Articoli correlati
Bigliardi ad Alta Velocità
Levigatrici Tyrolit FGE530 al lavoro per la preparazione delle solette di un viadotto AV sulla Milano-Verona
Una questione di polso
Un nuovo, almeno per l'Italia, componente per escavatori, il rotatore inclinabile Tiltrotator (da Engcon) da mettere tra braccio e attrezzature
Affettato di ciminiera
Tecnologia di demolizione con filo diamantato Tyrolit per una ciminiera da 50 metri a Villa Poma
Con l’impresa nel Sangue
Intervista goWEMGotha! a Paolo Mantovani, Direttore Commerciale della Mantovanibenne di Mirandola
Il Giro dell’Ecomondo in un paio di giorni (Quarta e ultima parte)
Mordi, strappa, taglia e aspira: le attrezzature all’Ecomondo di Rimini



articoli
venerdì 8 febbraio 2013

T1000, metallo “quasi” liquido

Una Idromec T1000 per Tondini

L’operatività dei centri di riciclaggio metalli è andata cambiando drasticamente negli ultimi anni; l’innovazione in materia normativa e l’evoluzione delle richieste del mercato hanno influito decisamente sulle dinamiche imprenditoriali degli operatori del settore, spingendo quelli più dinamici verso una qualificazione sempre più spinta sia delle dinamiche produttive sia dell’approccio commerciale al mercato. Tale evoluzione ha anche richiesto una parallela qualificazione del parco macchine e attrezzature delle aziende più attente, nella direzione della produttività oraria e della qualificazione dei materiali prodotti. La Tondini di Ozzano Emilia è senza dubbio fra le aziende più dinamiche in questo senso, sia per rispetto delle normative sia per l’attenzione al parco macchine. In particolare abbiamo visto all’opera una pressa cesoia T1000 di Idromec (nome che suscita notevoli ricordi cinematografici) con componentistica Bosch Rexroth.

Efficiente e produttiva

La pressacesoia al lavoro sul piazzale di Tondini (guardala al lavoro sul nostro canale gowemTV!) è appunto una T1000, macchina da 1000 tonnellate di forza di taglio, dotata di una grande cassa di carico per il materiale da trattare, larga 2750 mm (aperta) e lunga 9000; generose anche le dimensioni della sezione della cassa chiusa: 900x700 mm, particolarmente robusta grazie al generoso impiego di Hardox 400. La produttività è assicurata da 3 motori elettrici da 90 kW cadauno, che garantiscono notevoli performances in tutte le fasi della lavorazione, dalla forza di chiusura del cilindro premilamiera (140 ton) a quella del cilindro di spinta (170 ton). Imponente la testata cesoiante, estremamente robusta e dotata di lame di taglio reversibili sui quattro lati con suddivisione in tre parti per un semplice ricambio. Particolarmente apprezzata dagli operatori la cabina di comando che garantisce una perfetta visione del ciclo operativo e una notevole insonorizzazione; tutte le funzioni di regolazione della macchina sono gestite da un pannello touch screen, mentre i movimenti principali vengono attuati con joystick ergonomici o da radiocomando a distanza. Dal punto di vista della robustezza e dell’affidabilità d’uso, infine, da segnalare anche le cerniere della cassa a scomparsa e la componentistica oleodinamica, tutta a marchio Bosch Rexroth.

La qualità sta nel dettaglio

La pressacesoia di Idromec monta appunto componentistica Bosch Rexroth sia standard sia sviluppata su misura; tra quelli standard, spicca il gruppo motopompa A7VO250, composto da pompe con regolatore a potenza costante che sfruttano in momenti di basso carico la portata della pompa, mentre quando occorre compattare o tagliare il metallo lavorano a pressioni molto elevate; il sistema prevede così tre pompe che lavorano in parallelo senza dover garantire in ogni momento sia il livello di portata sia quello di pressione. Importante sottolineare che questa gestione è garantita da pompe standard, con tarature di potenza effettuabili direttamente dal cliente in fase di messa in servizio della pressacesoia. Applicazione particolare per la T1000 di Idromec è il gruppo di valvole, sviluppato dalla collaborazione tra Bosch Rexroth e il produttore, che personalizza la gestione e i movimenti di ogni singolo attuatore. Due le peculiarità: la prima consiste nell’applicazione di elementi logici e delle valvole on/off per il controllo dei movimenti, la seconda prevede l’applicazione sul cilindro spintore e sulla cesoia di un circuito rigenerativo (che permette di disporre di tutta la portata necessaria solo quando serve) con un sistema di sfiato che evita i “colpi di ariete” dovuti all’inversione del cilindro che altrimenti genererebbe nella camera anulare una pressione molto elevata. In questo modo i vantaggi del cliente e dell’utilizzatore finale sono evidenti: aumento della vita utile dell’attrezzatura, massima efficienza operativa in ogni fase e manutenzione comunque semplificata (i componenti sono standard). Bosch Rexroth fornisce a Idromec componentistica per tutta la gamma di pressecesoie, dalla T500 fino alla T1200, macchina da 1200 tonnellate di forza di taglio.
Tag: Demolisco e riciclo - Attrezzature - Componenti - Bosch Rexroth


Multimedia
Galleria
08/02/2013
Bosch Rexroth
Bosch Rexroth - Spa

Bosch Rexroth è leader a livello mondiale nelle tecnologie per l'azionamento e il controllo del movimento nel settore dell'automazione industriale, delle macchine operatrici mobili e delle energie rinnovabili. Bosch Rexroth sviluppa, produce e distribuisce i propri componenti e sistemi per oltre 500.000 clienti e in oltre 80 paesi nel mondo.
La divisione Mobile Applications di Bosch Rexroth fornisce soluzioni elettroidrauliche ottimali e sicure per le macchine mobili da lavoro con un unico obiettivo: sviluppare sistemi in grado di soddisfare le esigenze future dei propri clienti. Grazie all’impiego delle tecniche oleodinamiche e meccaniche più avanzate, supportate dall’elettronica integrata, gli esperti Rexroth collaborano insieme ai costruttori per lo sviluppo di soluzioni innovative che migliorino le funzionalità dell’intera macchina. I componenti e moduli Rexroth sono pensati e realizzati per armonizzarsi tra loro in sistemi funzionali, garantendo migliore efficienza e produttività.