Articoli correlati
Bigliardi ad Alta Velocità
Levigatrici Tyrolit FGE530 al lavoro per la preparazione delle solette di un viadotto AV sulla Milano-Verona
Una questione di polso
Un nuovo, almeno per l'Italia, componente per escavatori, il rotatore inclinabile Tiltrotator (da Engcon) da mettere tra braccio e attrezzature
Con l’impresa nel Sangue
Intervista goWEMGotha! a Paolo Mantovani, Direttore Commerciale della Mantovanibenne di Mirandola
Il Giro dell’Ecomondo in un paio di giorni (Quarta e ultima parte)
Mordi, strappa, taglia e aspira: le attrezzature all’Ecomondo di Rimini

T1000, metallo “quasi” liquido

Abbiamo visto al lavoro in un centro riciclaggio metalli del bolognese una pressa-cesoia Idromec T1000 (componentistica Bosch Rexroth)



articoli
mercoledì 1 aprile 2015

Affettato di ciminiera

Demolizione ciminiera con filo diamantato

Le operazioni di decommissiong di stabilimenti industriali sono interventi ormai di routine per le aziende specializzate nel settore della demolizione; tuttavia ci sono elementi ambientali, strutturali o gestionali che possono rendere complessi interventi che sarebbero semplici in altri contesti. E’ questo il caso della demolizione o sarebbe meglio dire decostruzione di una ciminiera alta 51 metri, collocata in uno stabilimento industriale a Villa Poma in provincia di Mantova.

Qui i fattori di complessità erano essenzialmente ambientali: la ciminiera doveva essere demolita senza danneggiare i capannoni e gli impianti circostanti, quindi la direzione lavori e la proprietà hanno dovuto escludere sia interventi con esplosivo sia abbattimenti con escavatore a tutta altezza (impossibile gestire la caduta del materiale demolito); anche l’impronta a terra del cantiere era ridotta e quindi l’opzione demolizione controllata (con smontaggio selettivo) è diventata l’unica realistica e applicabile.

L’impresa appaltante i lavori, la A.C.R. di Reggiani Albertino ha incaricato la Calcestruzzi Taglio di Como, specializzata in demolizione controllata, delle operazioni di decostruzione della ciminiera; la tecnologia scelta è stata quella dello smontaggio progressivo; in sostanza la ciminiera è stata divisa in sezioni trasversali (con pesi variabili fra 7 e 61 tonnellate) che, dopo essere state tagliate, sono state portate a quota 0 con l’ausilio di una autogru da 200 tonnellate di portata.

In questo modo, le operazioni di demolizione si sono potute svolgere nella massima sicurezza, con completo controllo delle strutture da demolire e senza impatto sullo stabilimento circostante, se si eccettua una piccola aerea di lavoro attorno alla ciminiera. Una volta ridotta l’altezza a soli 19 metri, la parte restante del camino è stato demolita con metodi più tradizionali, impiegando un escavatore cingolato equipaggiato con pinza frantumatrice.

Una sezione complessa

La ciminiera, oltre all’altezza impegnativa, presentava altri elementi di complessità che ne rendevano complessa una demolizione con metodi tradizionali; la sua sezione era, infatti, composta da anime concentriche composte da materiali diversi fra loro. Dall’esterno all’interno: 20 centimetri di cemento armato portante, paramento in mattoni dello spessore di 25 cm, ulteriore strato in materiale refrattario (spesso 5 cm) e camino metallico interno di 5 mm di spessore.

Per eseguire una demolizione corretta e senza dispersione indesiderata di detriti, le tecnologie disponibili si riducevano drasticamente; la soluzione scelta dalla Calcestruzzi Taglio è stata quella proposta da Tyrolit, Casa produttrice di attrezzature per il carotaggio e la demolizione, che ha previsto l’impiego di attrezzature da demolizione a filo diamantato.

Taglio pulito, veloce, senza detriti

Più nel dettaglio, Tyrolit è intervenuta con le sue attrezzature anche nella fase di preparazione propedeutica alla demolizione, effettuando le carotature necessarie al sollevamento degli elementi sezionati da parte dell’autogru; l’attrezzatura utilizzata in questo caso è stato il supporto di carotaggio Tyrolit DRA 400, combinato al motore per carotatrice DME 33 con corona diamantata a settori CDLP3 in grado di realizzare i fori di 300 mm di diametro (due per sezione) necessari al passaggio dell’elemento orizzontale del bilancino di sollevamento.

Una volta realizzati i fori e completate le altre operazioni di preparazione, è stata impiegata una sega Tyrolit WCE14 con filo diamantato, in allestimento con motore elettrico, abbinata a un modulo inverter radiocomandato per il controllo a distanza (e in sicurezza) delle operazioni di demolizione. Con questo tipo di attrezzatura, anche grazie a una notevole disponibilità di filo diamantato sull’accumulatore, si possono tagliare perimetri fino a 11 metri, quindi, senza problemi, la ciminiera oggetto della demolizione.

Tra le caratteristiche da sottolineare: un avanzamento preciso e estremamente controllabile del filo che, unito all’avviamento elettrico estremamente delicato e progressivo, garantisce un taglio preciso, con produzione di detriti in caduta praticamente nulla, quindi estremamente sicuro.

Per chiudere un’ultima considerazione sulle tempistiche di cantiere: le tecnologie utilizzate, unite all’attenta pianificazione dell’intervento di demolizione da parte della Calcestruzzi Taglio, hanno consentito di chiudere l’intervento in soli 12 giorni (demolizione tradizionale della sezione più bassa compresa). E come si sa, il tempo è, sempre, denaro…
Tag: Demolisco e riciclo - Attrezzature - Tyrolit Vincent


Multimedia
Galleria
01/04/2015
Tyrolit Vincent
Tyrolit Vincent - Srl

Tyrolit, ufficialmente fondata in Austria nel 1919, è attiva nel settore degli utensili diamantati attraverso numerosi stabilimenti, strutture commerciali e service centres in Europa, Nord e Sud America e Asia. Il gruppo conta oggi 19 unità produttive in 10 paesi del mondo e numerose filiali commerciali che coprono i principali mercati. La divisione edilizia è specializzata nella fornitura di sistemi macchine utensili alle imprese edili, con particolare riguardo alla demolizione controllata.