notizie: Hitachi Construction Machinery Europe
venerdì 4 settembre 2015

Hitachi ZX350LC-5 versione demo al debutto

Prima inglese in primavera per il nuovo escavatore in versione da demolizione Hitachi ZX350LC-5; il grande escavatore (peso compreso fra 38,5 e 46,9 tonnellate a seconda dell'allestimento) ha lavorato in un cantiere di Wolverhampton alla demolizione di una porzione di un edificio ad uffici di quattro piani.

L'escavatore è stato equipaggiato dall'impresa di demolizioni impegnata nel lavoro, la Penny Plant, con un braccio da 23 metri che può portare un'attrezzo da tre tonnellate, con un considerevole vantaggio operativo per le operazioni di demolizione. Un altro vantaggio per il nuovo Hitachi è anche quella di avere un braccio opzionale da demolizione in due pezzi, che garantisce una versatilità operativa importante che ne incrementa ovviamente la redditività e le possibilità di impiego.

Una versatilità apprezzata anche dall'operatore che ha impiegato lo ZX350LC-5 in cantiere, Kevin Penny: "E' semplicissimo riconfigurare sia il braccio sia le attrezzature (anche i settaggi sono molto veloci), con il nuovo ZX350LC-5 posso, una volta finite le operazioni di demolizione, montare una benna da scavo e caricare senza problemi i camion per la rimozione delle macerie. Prima lavoravo con uno ZX650 e, quando si finiva di demolire, la macchina andava spostata in un altro cantiere, per far spazio agli escavatori per il carico. Ora non è più così e l'efficienza e la velocità sono molto maggiori".

La demolizione è durata dieci settimane; un tempo piuttosto lungo, giustificato dal fatto che l'edificio era adiacente a una strada molto trafficata (un semplice ponteggio lo separava dalle macchine) e, quindi, i demolitori hanno dovuto muoversi con estrema attenzione.

mercoledì 2 settembre 2015

Dumper Hitachi: vedo tutto

Importante passo avanti per i dumper rigidi da miniera di Hitachi che ora implementano ufficialmente (con la concessione delle relative licenze)  la tecnologia cosviluppata da Nissan e Clarion per implementare la sicurezza nelle cave e nelle miniere; le nuove soluzioni tecnologiche seguono due direttive di sviluppo sinergiche: il sistema di telecamere AVM e  la tecnologia MOD.

Le telecamere AVM montate sui dumper sono quattro e garantiscono una visuale a 360° del campo di lavoro, riportando le immagini sul monitor in cabina, con le graficizzazioni tipiche delle autovetture per il parcheggio assistito; la tecnologia AVM consente inoltre di avere anche una visione del dumper rigido dall'alto, migliorando significativamente la percezione degli spazi operativi da parte del guidatore con conseguente, drastico, incremento di sicurezza.

Accanto alle telecamere, sui dumper ci sarà anche la tecnologia MOD che rileva gli oggetti in movimento intorno al dumper allertando l'operatore in cabina in caso di rischio potenziale. 

mercoledì 17 giugno 2015

L'ibrido di casa Hitachi

Gli ibridi stanno sempre più diventando una scelta convinta delle imprese in tutta Europa (e non solo), per questo segnaliamo la versione ibrida dell' escavatore cingolato proposta da Hitachi, precisamente il modello ZH210-5.

Il costruttore giapponese sceglie la strada dell'ibridazione ottenuta con motore di rotazione che recupera energia durante ogni frenata della rotazione della torretta per immagazzinarla in un capacitore che la eroga in fase di accellerazione della sosvrastruttura, riducendo così il consumo di carburante complessivo e aumentando l'efficienza sul campo dell'escavatore.

Bisogna dire (ma questo vale per tutti gli ibridi) che la soluzione tecnologica dà il massimo di sè soprattutto in certe lavorazioni, come il carico degli autocarri o lo scavo massivo (tanti movimenti della sovrastruttura, pochi spostamenti del carro): in questo caso lo ZX210-5 garantisce un risparmio di carburante che arriva al superare il 30% (in modalità Power, paragonata alla modalità Power dello ZX serie 3) e addirittura al 36% se usato in modalità ECO.

Un bel risparmio, non c'è che dire; l'efficienza è anche aumentata dal sistema idraulico Trias (che lavora con tre pompe - 2 da 212 e 1 da 189 l/min - e tre valvole di controllo) che riduce le perdite di carico in ogni condizione e garantisce una gestione più accurata dei flussi idrailici.

RIpensata completamente la cabina, con una visibilità decisamente migliorata e una controllabilità davvero di alto profilo, senza sforzi anche con cicli di lavoro davvero duri.

martedì 26 maggio 2015

Piccoli di casa Hitachi

Carro allargabile, notevole velocità operativa sul ciclo e una cabina che per dimensioni sta ai vertici della categoria; questi in sostanza gli elementi di spicco dei due nuovi nati della gamma di miniescavatori Hitachi: il ZX17U-5 e ZX19U-5.

Dicevamo del carro allargabile: entrambi i mini possono lavorare sia con carro ritratto (utile anche ovviamente per il trasporto) con una larghezza minima di 980 mm, sia cingoli allargati, per avere una maggiore stabilità operativa, a 1280 mm.

Il motore per entrambi i nuovi mini è un tre cilindri (0,85 litri) a quattro tempi raffreddato ad acqua che eroga 10,6 kW a 2400 giri; interessanti le forze di scavo (1600 daN per entrambi)  e strappo (860 daN per il ZX17U-5 e 920 daN per il ZX19U-5). Profondità di scavo massima? 2190 mm per il ZX17U-5 e 2390 mm per il ZX19U-5.

Decisamente migliorato il comfort operatore in cabina, con un bel sedile regolabile e scorrevole con sospensioni; pratici e efficienti i joystick idraulici che consentono di gestire in modo estremamente lineare e intuitivo la traslazione, l'attrezzo frontale, la rotazione del braccio e la lama.

Hitachi ha anche abbattuto i I livelli di rumorosità sia nella versione con tettuccio sia in quella con cabina; migliorata anche la visibilità sullo scavo, soprattutto nella versione con tettuccio con sostegni a tre puntelli.

mercoledì 6 maggio 2015

Hitachi, crescono i prodotti per l'Europa

La strategia di Hitachi appare chiara: forte aumento del portafoglio prodotto sui mercati europei, con l'obiettivo di accrescere i fatturati e di equilibrare, suddividendolo su più settori tipologici, la presenza di mercato nel Vecchi Continente.

Così, dopo l'accordo con Hitachi Construction Machinery Camino per la commercializzazione delle attrezzature leggere (piastre, rulli), arriva anche un colosso del sollevamento. Hitachi ha infatti presentato ufficialmente in Europa la sua gru cingolata SCX800A-3, mezzo da 80 tonnellate di portata.

La nuova SCX800A-3 arriva sotto il brand Hitachi Sumitomo Heavy Industries Construction Crane e monta un Cummins Stage IV da 201 kW; il design della gru è molto compatto, con il raggio di rotazione minore per la sua categoria, senza per questo concedere nulla in fatto di prestazioni.

Il braccio principale arriva a 54,5 metri a cui si aggiungono 18 metri di braccio jib; l'altezza massima raggiungibile arriva quindi a 63,5 metri. Molto interessante la possibilità di lavorare in modalità ECO con il verricello, per un notevole risparmio di carburante; verricello che hau un tiro massimo standard di 7 tonnellate, ma che può arrivare, come optional, a 11 tonnellate.

lunedì 27 aprile 2015

Hitachi, la serie sei sbarca in Europa

Avevamo aspettato a passare la notizia nell'articolo sulle novità Hitachi a Parigi (leggilo qui) per averne la certezza assoluta, che è puntualmente arrivata; a Intermat Hitachi ha esposto il suo primo escavatore cingolato della serie 6, un bellissimo ZX300LC-6, macchina da 30 tonnellate, con diverse novità e alcuni miglioramenti.

Miglioramenti che, stando a Hitachi, ridurrando i costi operativi, incrementando la durata dell'escavatore, oltre (ormai si può dire ovviamente) a limare i consumi di carburante. La motorizzazione sarà Isuzu Stage IV con SCR e posttrattamento e l'escavatore utilizzerà il sistema Trias II di Hitachi che consente di gestire al meglio le dinamiche dei flussi d'olio, con conseguente riduzione delle perdite di carico e contrazione dei consumi.

Poi c'è tanta potenza in pià, rispetto al modello comparabile precedente della gamma Hitachi (lo ZX290-5): circa il 32% in più di potenza, con una maggiore capacità di sollevamento e una coppia di rotazione migliorata. Sono anche stati ridisegnati il braccio e l'avambraccio, per un uso più efficiente quando l'escavatore monta benne di grande cubatura.

Assieme allo ZX300LC-6, Hitachi ha presentato altri tre modelli che montano motorizzazioni ISuzu: lo ZX250LC-6, lo ZX350LC-6 e lo ZX380LC-6.


venerdì 3 aprile 2015

Rigido per dovere

Quasi tutte le novità esposte a Intermat hanno ormai trovato posto sulle nostre pagine negli scorsi mesi; in questi ultimi giorni prima del via ufficiale della fiera di Parigi (il 20 aprile 2015) vi presenteremo i modelli nuovi che ancora ci erano sfuggiti, per aiutarvi a orientarvi nella kermesse parigina.

Uno fra questi (anche per dimensioni, ma ovviamente non sono) è il nuovo dumper rigido Hitachi EH1100-5, bestione da quasi 109 tonnellate di peso operativo con un carico utile di 63,5 tonnellate; un mezzo che, in Italia, vedremo poco, soprattutto di questi periodi, ma che, nelle cave e miniere di tutto il mondo è destinato a un buon successo.

Il nuovo EH1100-5 monta un motore che eroga 567 kW e può raggiungere, su piste ben battute, i 58 km/orari (la produttività ringrazia sinceramente), con una capacità al colmo di 41,5 metri cubi.

La cabina è stata rivista con molti miglioramenti in fatto di comfort, ma soprattutto con un nuovo (migliore) sistema di protezione ROPS.

Da includere fra le macchine da vedere a Parigi (anche solo per il gusto di salirci).

giovedì 5 febbraio 2015

Cava che ti passa!

Interessante applicazione di un bell'Hitachi ZX870LCR-5 in una cava di marna e calcare in Svizzera, a Asuel La Malcôte; la società svizzera Lachat ha acquistato l'escavatore cingolato lo scorso anno e lo utilizza per caricare dumper rigidi con una produzione oraria di 300 tonnellate; lo ZX870LCR-5 monta una benna da 4,5 m3 e riceve le lodi di Yvan Ryser, general manager di Lachat: "la forza e la produttività di questo escavatore sono notevoli e ci consentono di effettuare la selezione fra i materiali prodotti nella cava con efficienza e senza tempi morti".

Opinione condivisa anche da Christophe, operatore che usa lo ZX870LCR-5: "E' una buona macchina, molto veloce; è molto potente e robusta e, inoltre è stabile e precisa e questo mi è di molto aiuto nella selezione dei materiali. Anche i consumi di carburante sono molto buoni. Un'ultima cosa: uso la retrocamera in continuazione, è fondamentale per macchine di queste dimensioni".

lunedì 12 gennaio 2015

ZX85US-5, miniescavatore dal braccio lungo

Pubblichiamo volentieri questo allestimento speciale del miniescavatore Hitachi ZX85US-5 al lavoro nelle campagne inglesi; ci interessa per portare l'attenzione sull'importanza della manutenzione degli alvei in funzione della prevenzione di esondazioni e altri eventi calamitosi (Liguria docet).

L'Hitachi ZX85US-5  è stato allestito dalla Land & Water, specializzata appunto in bracci lunghi, per conto dell'Autorità Inglese per l'Ambiente ed è stato utilizzato con profitto nel Kent, nell'alveo del fiume Medway, per la riprofilatura e la pulizia dei canali, per la rimozione di alberi caduti e cespugli e per il ripristino della portata delle vie d'acqua principali.

Oltre all'allestimento con braccio lungo (10,3 metri di raggio operativo), l'Autorità ha imposto che il miniescavatore fosse rifornito solo con olii idraulici bio e quindi la Land & Water ha impiegato, proprio per evitare inquinamento delle vie d'acqua, dell'olio idraulico Panolin, completamente biodegradabile.

Infine, lo ZX85US-5 ha sempre lavorato con cingoli in gomma, per minimizzare l'impatto degli spostamenti sul terreno dove operava.

venerdì 31 ottobre 2014

Hitachi arriva il 200millesimo miniescavatore

E' uno Zaxis ZX65USB-5 ed è stato consegnato con una cerimonia ufficiale al cliente che l'ha acquistato in occasione della fiera tedesca Galabau (punto di riferimento per il settore florovivaistico); ma cos'ha di speciale questo miniescavatore Hitachi? Dal punto di vista tecnico nulla (rispetto ai suoi gemelli), da quello produttivo tantissimo, dato che è il 200 millesimo miniescavatore prodotto dalla Hitachi Construction Machinery Tierra Co.

La macchina è stata consegnata dal dealer Kiesel al cliente, la bavarese Newo-Bau che lavora appunto nel settore della florovivaistica e del movimento terra in generale; il nuovo ZX65USB-5 va quindi ad aggiungersi alla flotta dell'azienda (fondata nel 1978) che comprende anche tre Hitachi ZX85US-3s e cinque ZX225USLC-3s.

Durante la cerimonia, il direttore della Newo-Bau, Bernd Riedlmeier, ha dichiarato "Una notevole capacità operativa, unita alla forza di strappo davvero importante per questo tipo di macchine sono i fattori chiave del nuovo mini Hitachi, utili ad aumentare la nostra capacità competitiva sul mercato. Il ZX65USB-5 ci consentirà di incrementare la nostra produttività in quei cantieri in cui occorre una notevole precisione operativa".

giovedì 30 ottobre 2014

Hitachi CM avanti adagio

Hitachi Construction Machinery ha presentato un paio di giorni fa i dati di vendita della prima metà dell’anno fiscale, che per la casa giapponese iniziava il 1.4.2014. Le vendite in questi sei mesi hanno superato i 389 miliardi di yen, al cambio del periodo circa 2,82 miliardi di euro, con un incremento YoY del 4,1 per cento.

Il bilancio del gruppo indica un rallentamento in Giappone, in particolare nel segmento escavatori idraulici, a causa della probabile introduzione di nuove norme sulle emissioni. A livello regionale, bene il Nord America grazie ad una ripresa degli investimenti nel settore immobiliare, mentre in Centro e Sud America c’è stato un calo dovuto alla diminuzione della richiesta di infrastrutture. In Europa ottimi risultati in UK (ancora edilizia residenziale), Germania e Francia, con incremento deciso della vendita di escavatori e pale gommate.

In Russia, il calo nell’edilizia e nelle infrastrutture è stato compensato dai risultati positivi nel mining, che ha dato buoni esiti anche in Sudafrica, mentre in Africa Nord-occidentale si sono avuti buoni riscontri dalle macchine per infrastrutture. Questo segmento è risultato trainante anche in Medioriente, in modo particolare in Turchia e nei paesi del Golfo. Hitachi ha realizzato i risultati meno brillanti in Asia e Oceania dove sia nel settore mining che in quello construction si è avuto l’ennesimo calo (Indonesia, Thailandia, Australia…). Qualche segnale positivo arriva invece dall’India, dove il nuovo governo centrale sta avviando qualche significativo intervento infrastrutturale. In Cina infine le politiche di stimolo economico sono state applicate su scala ridotta e non hanno portato gli effetti sperati di ripresa del mercato macchine.

Ecco quindi i risultati realizzati da Hitachi CM a livello regionale nel 1H14: Giappone -2,6% YoY e 99,5 mld di yen; Americhe +14,6% e 47,9 mld; Europa +33,3% e 45,6 mld; Russia+CIS+MEA +26,2% e 48,5 mld; Asia-Oceania +1,9% e 105,9 mld; Cina -21,6% e 41,6 mld.

venerdì 17 ottobre 2014

Terra d'Israele

L'impresa israeliana Hilkiyahu Ltd ha scelto un escavatore cingolato Hitachi ZX670LCH-5 per far fronte alle necessità davvero massive di movimentazione terra connesse alla costruzione della Strada 65 nel nord di Israele; l'appalto è di quelli tosti e prevede la movimentazione, in un periodo di tempo piuttosto compresso, di oltre 1,5 milioni di metri cubi di roccia e terra.

"Abbiamo acquistato questo grande escavatore Hitachi appositamente per questo lavoro, dato che siamo convinti che sia perfetto per far fronte alle difficili condizioni operative e al quantitativo davvero ingente di materiale, peraltro abrasivo, da rimuovere" - afferma Hiki Bernstein, il titolare della Hikihahu Ltd che ha sede a Eliad, nel sud delle Alture del Golan - che continua "Stiamo lavorando come subappaltatore sul terzo tronco della nuova strada, che ha una lunghezza di 13 km. Siamo completamente responsabili del movimento terra, delle opere di drenaggio delle acque, della demolizione (con esplosivo) di blocchi di roccia e della costruzione del rilevato stradale, asfaltoo escluso. Inoltre lavoriamo con un altro Hitachi, uno ZX470LCH-3 in una cava vicina per garantirci l'approvvigionamento degli aggregati necessari alla costruzione della strada. Prima lavoravamo con un altro marchio di escavatori - conclude Bernstein - ma ora siamo soddisfatti di Hitachi sia per la produttività che ci assicura sia per l'affidabilità dimostrata anche in condizioni di lavoro decisamente dure".

giovedì 28 agosto 2014

Hitachi e il suo nuovo dumper rigido EH1100-5

Secondo fonti in Hitachi, la nuova release del dumper rigido della Casa Giapponese, l'EH1100-5, sarà la star della fiera dedicata alle miniere, il  MENA Mining Show, che si terrà a Dubai i prossimi 21 e 22 ottobre 2014. Il dumper rigido è già disponibile in Europa (ne vedremo pochi in Italia) da aprile e ha una capacità di 41,5 metri cubi; nuove le sospensioni che garantiscono una migliore tenuta e quindi cicli più veloci e confortevoli e rivista completamente l'elettronica.

Da segnalare anche il lavoro svolto per aumentare la vita utile di una serie di componenti di usura, per un minor costo di proprietà complessivo e una manutenzione semplificata, migliorata e con intervalli aumentati. Il peso operativo raggiunge le 63,5 tonnellate, mentre, per le motorizzazioni, si può scegliere fra un MTU Serie 2000 e un Cummins QSK23. Quasi quasi la visita a Dubai andrebbe fatta solo per vedere questo bestione dal vivo...

mercoledì 20 agosto 2014

Due nuove pale gommate per Hitachi

Entrambe le due nuove pale gommate della serie 5 che Hitachi ha presentato per i mercati europei, la ZW140-5 e la ZW150-5, sono spinte da un motore turbo da 5,2 litri, quattro cilindri, raffreddato ad acqua che garantisce, rispetto ai modelli precendenti (secondo i dati comunicati da Hitachi) un buon risparmio di carburante (fino al 20%), a parità di prestazioni.

Il cuore del risparmio è garantito dal sistema di gestione HST che consente alle macchine di lavorare in due modalità operative: S (Standard), da utilizzarsi nelle operazioni di routine, e P (Power) quando si abbia necessità di erogare massima forza di spinta o sollevamento. Interessante anche la funzione ECO che viene riportata sul monitor LCD che tiene informato l'operatore in tempo reale sul consumo della pala gommata, segnalando quando sta consumando troppo e quando, invece, sta utilizzando il mezzo in maniera ottimale per il rapporto consumo/prestazioni.

Sulle due nuove pale Hitachi ha anche implementato il Traction Control System (TCS) che consente di ridurre (o eliminare del tutto) lo slittamento delle gomme su fango e neve, con conseguente aumento di produttività.

Dal punto di vista delle prestazioni la ZW140-5 ha una potenza di 113 kW con un peso operativo compreso fra 11,09 e 11,39 ton (forza di strappo 9480 daN) e benna da 2 metri cubi, la ZW150-5 ha peso compreso tra 11,85 e 12,4 ton (forza di strappo 10130 daN) e benna da 2,2 metri cubi.

venerdì 1 agosto 2014

Nel cuore di Israele

Qui lo spazio non c'era proprio: parliamo del cantiere per la costruzione di un nuovo hotel 5 stelle (la catena è la Isrotel Hotels) situato nel cuore della Colonia Tedesca di Gerusalemme. Per le movimentazioni terra propedeutiche alla costruzione delle fondazioni del nuovo hotel, che prevedevano la rimozione di circa 3000 metri cubi di terreno, il subappaltatore incaricato dei lavori, Dror Balulu Civil Engineering, ha impiegato un escavatore cingolato Hitachi ZX350LC-5 con braccio telescopico e benna a due valve: era questo l'unico modo (ovviamente non c'era lo spazio per realizzare rampe di accesso) per realizzare lo scavo che raggiungeva i  19 metri di profondità (in soli cinque giorni di lavoro).

"Ho visto questo tipo di escavatore Hitachi lavorare in un video di YouTube - afferma Dror Balulu - e ho capito subito che era la soluzione perfetta per cantieri come questo dove bisogna scavare in verticale. E' ideale per spazi limitati o anche per scavare piccole buce come, ad esempio , cunicoli verticali. L'unica alternativa possibile sarebbe stata quella di installare un nastro trasportatore, ma sarebbe stato comunque un lavoro complesso anche perchè sul fondo c'era acqua affiorante".

martedì 22 luglio 2014

Hitachi che denti grandi che hai!

In Italia non è affare per molti e in Europa li potremo vedere all'opera nelle grandi miniere del nord. Parliamo della nuova gamma di denti Hitachi per escavatori da miniera (dall'EX1200-6 da 120 ton al mostruso EX3600-6 da 360 ton per intenderci).

La nuova linea, che si chiama GET (acronimo di Ground Engaging Tools), prevede una gamma di denti completamete realizzati in acciaio ad alta resistenza,  che non hanno problemi nell'affrontare anche le applicazioni sulle rocce più dure. Interessante il profilo brevettato di fissaggio laterale dei denti GET, profilo che non richiede l'uso del martello per fissare il dente, con un considerevole risparmio di tempo rispetto ai sistemi tradizionali.

martedì 24 giugno 2014

Hitachi dove non te l'aspetti

Ogni tanto i produttori sorprendono anche i più smagati commentatori; in parte è questo il caso (anche se qualcuno ne parlava da molto): Hitachi introduce in Europa una nuova gamma di attrezzature per la compattazione che comprende martelli compattatori, piastre vibranti e piccoli rulli. Prodotte nella fabbrica giapponese di Camino, queste attrezzature saranno ufficialmente presentate oggi all'IRE di Amsterdam e sono state soprattutto pensate per il mercato del noleggio. La gamma comprende i martelli compattatori ZV-R, ZV-RL e ZV-RLS; le piastre vibranti ZV-P eZV-PR (quest'ultima reversibile), e i rulli tandem e combinati Hitachi ZC. Saranno commercializzati anche i rulli gommati del modello CP220 e il modello da asfalto CS125. Si tratta, almeno per l'Europa, di una piccola rivoluzione, ma i prodotti sono ben conosciuti in Giappone dove Hitachi li produce e commercia già da tempo. Joep van den Maagdenberg, specialista di prodotto per questo segmento in  Hitachi Construction Machinery ha dichiarato “Il segmento della compattazione è un'importante implementazione alla nostra già ampia gamma di macchine per le costruzioni; sono molto curioso di raccogliere l'opinione dai nostri clienti che visiteranno IRE".

lunedì 9 giugno 2014

Ibrido stile Hitachi

Anche Hitachi si iscrive nella ristretta lista dei produttori che hanno commercializzato in Europa le proprie versioni ibride di escavatori cingolati da produzione; il modello è, ovviamente, il nuovissimo ZH210LC-5 acquistato da un'azienda del gruppo francese Noblet, la Cotra Styl. L'acquisto della macchina, che i tecnici e i proprietari della Cotra avevano visto per la prima volta lo scorso Bauma, si inscrive nella strategia del gruppo Noblet di miglioramento dell'impronta ambientale del proprio processo produttivo, incernierato soprattutto nel noleggio di macchine movimento terra e camion cava cantiere nei segmenti del movimento terra e della bonifica dei terreni inquinati. "L'escavatore ibrido Hitachi è un prodotto eccellente e siamo molto contenti di essere stati i primi ad averlo acquistato in Europa" ha dichiarato Laurent Galle, proprietario del gruppo Noble, nel corso della cerimonia di consegna, continuando "E' una macchina veramente innovativa soprattutto per il nostro obiettivo di essere a basso impatto ambientale. I test con il prototipo che abbiamo potuto utilizzare per sei settimane hanno dimostrato emissioni ridottissime e emissioni sonore altrettanto abbattute rispetto alle macchine convenzionali, senza nulla cedere in fatto di prestazioni operative".

mercoledì 28 maggio 2014

Hitachi, ecologia in cava

Nella cava di calcare francese di Carrière de Cusy, i parametri ambientali si rispettano eccome; non solo quelli tradizionali di una corretta coltivazione e di una rinaturazione successiva altrettanto attenta, ma anche quelli ben più stringenti di rispetto delle specie naturali presenti (tra cui una rarissima specie di raganella). In questo quadro l'attenzione ai limiti di emissione sonora, a quelli relativi alle polveri e, ovviamente, a quelli che tengono in considerazione le emissioni gassose delle macchine è massima. Per questo, i proprietari, Yves-Pierre e Denis Mathieux, investono massicciamente sul rinnovo del parco macchine e danno priorità al controllo dei parametri di emissione delle macchine (ovviamente è scontato che la produttività deve essere massima): di qui la scelta di Hitachi come fornitore e, nello specifico, di una pala gommata ZW250-5 e di un escavatore cingolato ZX290LC-5; Denis Greiller, operatore sulla pala gommata ZW250-5 commenta soddisfatto: “La macchina è semplicissima da controllare e molto precisa. La usiamo per caricare camion con portate variabili da 3,5 a 44 ton e la sua versatilità operativa è perfetta per questo tipo di lavoro. Le forze di penetrazione e strappo sono eccellenti e l'altezza di sollevamento è ideale per le nostre esigenze".

venerdì 14 marzo 2014

Non è un pesce (grosso) d'aprile

Il primo aprile 2014 entra ufficialmente nelle linee produttive e quindi a brevissimo a disposizione dei clienti, il nuovissimo dumper rigido di Hitachi, l'EH1100-5; il bestione in grado di spostare 41,3 metri cubi di roccia o terra per viaggio. Le motorizzazioni disponibili (come sempre più spesso accade) sono due: la prima, per i mercati meno regolamentati dal punto di vista delle emissioni, prevede due motori, un MTU Serie 2000 o Cummins QSK23, la seconda per il Nord America e i mercati Europei, equipaggia solo il Cummins QSK23. Come ormai quasi la norma sulle case principali, la trasmissione è un automatica Allison Transmission H6620A che gantisce notevole fluidità di marcia in ogni condizione e quindi una durata maggiore di tutta la componentistica. Anche l'elettronica viene in aiuto dell'operatore: il nuovo EH1100-5 può contare su un sistema piuttosto avanzato di controllo della trazione (c'è anche il sistema di limitazione automatica della velocità in discesa) che consente al dumper di muoversi anche su terreni bagnati, mentre in cabina spicca un mega schermo LCD da 25 cm che consente il controllo in tempo reale di tutti i dati di funzionamento della macchina; controllo che avviene anche via satellite con gli ormai usuali sistemi di controllo remoto.
Cummins QSK23
Cummins QSK23

martedì 28 gennaio 2014

Svizzero? No Hitachi!

L'investimento è di quelli importanti se l'azienda è piccola, anche se opera da 13 anni nel settore; Paul Wehrli, operatore e imprenditore, ha valutato ogni elemento prima di comprare un nuovo Hitachi, uno ZX130-5 da usare per lavori di realizzazione giardini nella città di Züberwangen e dintorni. Prima di acquistare il nuovo escavatore, Wehrli ha lavorato a lungo (e con soddisfazione) un Hitachi EX120 e ora il grande passo. E dopo i primi lavori, sembra che il passo sia stato ben fatto, dato che Wehrli è estremamente soddisfatto dell'idraulica del nuovo Hitachi, della precisione dei movimenti e della velocità di risposta della macchina in ogni condizione operativa. Apprezzato anche il basso consumo di carburante e le dimensioni dello ZX130-5 che può essere trasportato, senza problemi e autorizzazioni particolari, su un normale quattro assi.

giovedì 9 gennaio 2014

Gli Zaxis serie 5 al lavoro in Norvegia

Una commessa interessante (e impegnativa) quella acquisita dalla norvegese Carl C Fon: in due anni di lavoro, la società con sede a Sandefjord deve costruire 4,6 chilometri di autostrada a quattro corsie (la E18) per un valore complessivo di progetto di circa 25 milioni di euro. I tempi sono stretti, ma lo sono ancor di più considerando le condizioni climatiche norvegesi che consentono di realizzare davvero molto poco durante i rigidi inverni. L'unica soluzione per rispettare i tempi era quindi quella di aumentare il numero di macchine al lavoro; i responsabili della Carl C Fon ne erano consci e hanno portato sul tracciato una bella flotta di macchine Hitachi (che possono lavorare solo quattro giorni a settimana per esigenze del gestore dell'autostrada) , molte delle quali nuove, tra cui spiccavano il nuovissimo ZX250LC-5, due ZX470LCH-5s e un grande ZX670LCH-5. Accanto a loro si muovono cinque dumper articolati, due dozer e altri due escavatori. La commessa prevede anche la realizzazione di quattro ponti e di una galleria lunga 150 metri.

giovedì 21 novembre 2013

Il carburante del futuro

Hitachi e Shell hanno appena reso noto che sono in corso le sperimentazioni su un nuovo tipo di carburante, chiamato Shell GTL (gas to liquid), destinato ad essere un'alternativa più ecocompatibile dei tradizionali diesel derivato dalla raffinazione del petrolio. Le sperimentazioni sono già sul campo e il carburante è usato per alimentare i nuovi escavatori Hitachi Zaxis serie 5; il nuovo carburante, che viene prodotto dal gas naturale attraverso una serie di processi chimici, è molto biodegradabile, produce, quando brucia nei motori, meno ossidi di idrogeno e di zolfo e meno particolato rispetto ai carburanti tradizionali. I test hanno dimostrato che il nuovo carburante funziona senza bisogno di additivi o retrofit anche sulle macchine non di ultima generazione, oltrechè ovviamente sulle macchine con motorizzazioni Stage IIIB (testato su un Hitachi ZX470LCH-5 che lavorava in Norvegia a -20 °C).

lunedì 11 novembre 2013

Come di scavo gli impianti

Probabilmente è il cantiere più importante e prestigioso oggi aperto nel perugino; parliamo della riqualificazione dell'area in cui sorgeva l'ex Policlinico Monteluce che, dopo lo spostamento della clinica, ha lasciato il posto a un nuovo piano di sviluppo di oltre 65.000 metri quadri in cui sorgeranno abitazioni, uffici e residenze per studenti. Il tutto, come ogni intervento moderno, ampiamente cablato e dotato dell'impiantistica più aggiornata. Per questo gli impianti, appunto, giocano un ruolo fondamentale e l'appalto (emesso da BNP Paribas) è stato aggiudicato alla BTF di Gualdo Cattaneo che ha ordinato a Hitachi, attraverso al suo concessionario italiano Scai, un miniescavatore nuovo di zecca, lo ZX55U-5.  Davvero entusiastico il commento di uno dei tre proprietari di BTF, Miguel Torricelli.Il nuovo escavatore arancio ci offre un elevato grado di versatilità grazie al suo eccellente sistema idraulico. È un'ottima macchina per un impiego efficiente del martello demolitore. Esegue anche senza difficoltà scavi in trincea e carica i camion con la benna standard. Ne apprezziamo la precisione e l'affidabilità. La modalità ECO, per di più, riduce considerevolmente il consumo di carburante”.

martedì 24 settembre 2013

Fame di case

Demolire case per costruirne altre; in apparenza sembra un controsenso, ma i tedeschi sono famosi per la loro logica (quasi vulcaniana) che li porta ad agire razionalmente e a trarre profitto da quello che a noi italiani puo sembrare illogico. E' il caso delle demolizioni in corso a Monaco che riguardano abitazioni e edifici ricostruiti sulle ceneri della seconda guerra mondiale e ora diventati obsoleti per una città moderna. Nel segno, quindi, dell'edilizia di qualità e dell'urbanistica razionale e ecosostenibile, molte di queste abitazioni vengono abbattute, generando una domanda di lavoro per le società specializzate come la B Trinkl che per far fronte alla mole di lavoro ha appena comprato da Hitachi il primo ZX470LCH-5 venduto in Europa. Appena consegnato, il gigante sta lavorando sulla Lerchenfeldstrasse per demolire le strutture che occupano il posto che verrà poi preso da una palazzina di sei piani da 23 appartamenti. La B Trinkl è un cliente fedele di Hitachi dato che dispone già in flotta, prima dell'acquisto dello ZX470LCH-5, di altri 4 escavatori da demolizione con braccio lungo. Mica pochi...

venerdì 23 agosto 2013

Prima d'Europa

E' una società norvegese, la Farbu & Gausen che si è aggiudicata la prima pala gommata Hitachi ZW220-5 (17,7 ton per potenza di 145 kW) del vecchio continente; la Farbu & Gausen lavora nel settore delle infrastrutture di trasporto e dell'energia e impiegherà la nuova pala nella cava di calcare di Kjerknesvågen dove estrae il materiale per sottofondi fi strade e di edilizia civile; la cava, con un potenziale di 400.000 metri cubi di calcare, produce pezzature 0/20mm per lo strato superiore delle strade, da 20/50 mm per i sottofondi di drenaggio delle fondazioni civili e da 50/120 mm per lo strato inferiore dei tracciati stradali. La ZW220-5 verrà impiegata per il carico dei camion e per l'alimentazione del frantoio che realizza le pezzature di vendita a partire dal materiale cavato (tramite esplosioni controllate). Tra i fattori di scelta che hanno portato la Farbu & Gausen a utilizzare la nuova ZW220-5, la manovrabilità e la migliorata capacità di carico della pala e, quindi, la maggiore produttività della stessa, in ogni condizione di carico.

mercoledì 17 luglio 2013

Hitachi, nuovi miniescavatori in gamma

Sono due i nuovi inserimenti nella gamma di miniescavatori Hitachi, recentemente presentati ai mercati europei; in effetti entrambi i mini erano già stati esposti a Bauma 2013, ma ora la loro commercializzazione è effettiva in tutti i Paesi del vecchio continente. Parliamo dello Zaxis ZX48U-5 (4,73 ton) e del suo fratello maggiore ZX55U-5 (5,04 ton). Spinti entrambi da un motore da 28,2 kW, i due nuovi mini garantiscono (anche grazie alla modalità ECO) un considerevole risparmio nei consumi rispetto alle serie precedenti. Rivista completamente la cabina, ora molto più spaziosa, con un sedile più largo, una porta più grande e un finestrino anteriore ampliato per una migliore visibilità. Modificata anche la posizione dei radiatori che ora sono molto più efficienti ed anche più semplici da raggiungere per le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria. Qualche numero in più? Profondità di scavo: 6060 (ZX48U-5) o 6260 (ZX55U-5), forza di strappo: 32,1 (ZX48U-5) e 36,9 kN (ZX55U-5).

lunedì 8 luglio 2013

Due nuovi mini per Hitachi

Alle porte dell'estate la giapponese Hitachi espande la propria gamma di miniescavatori con l'introduzione di due nuovi modelli: parliamo di due nuovi mini a raggio di rotazione compatto, lo ZX33U-5 e lo ZX38U-5. Entrambi con motore da 21,2 kW, hanno una cabina rivista completamente, più spaziosa dei modelli precedenti, con sedile più largo e più spazio per le gambe dell'operatore. Lo ZX33U-5 ha un peso, a seconda degli allestimenti, compreso fra 3,32 e 3,72 ton, mentre il peso dello ZX38U-5 va, sempre a seconda delle versioni da un minimo di 3,77 a un massimo di 4,17 ton; profondità massima di scavo di 3170 mm per lo ZX33U-5 (distanza massima di scavo a terra di 5170 mm), mentre lo ZX38U-5 arriva a 3460 mm con una distanza massima di scavo a terra di 5520 mm. Entrambi i nuovi mini montano un sistema auto-shift che riduce automaticamente la velocità in relazione del carico che trasportano, funzione decisamentequando la lama venga utilizzata in lavori di paesaggistica o mentre l'escavatore risale un pendio.

martedì 11 giugno 2013

Mostro polacco

La più importante società polacca operante nel settore della coltivazione di cave, DSS Group ha appena acquistato per il proprio sito di Pilawa Górna un escavatore frontale Hitachi ZX670LC-5 da 72 tonnellate; il nuovo escavatore verrà impiegato per caricare i dumper che movimentano le rocce estratte dalla cava, in genere utilizzati per infrastrutture ferroviarie e stradali. Nella cava di Pilawa Górna, infatti, la DSS estrae rocce metamorfiche o metamorficoignee che vengono poi frantumate in pezzature da  2/8, 8/16 and 16/22 mm per le infrastrutture stradali o in  4/31.5, 31.5/50 and 0/31.5 mm per quelle ferroviarie. Il nuovo escavatore è stato acquistato per aumentare la redditività del sito, stando alle parole del responsabile di cava, Janusz Rydz, e carica mediamente tra le 600 e le 700 tonnellate di materiale per ora a seconda delle pezzature delle rocce.

martedì 21 maggio 2013

Hitachi presenta la sua ZW220-5

Era stata ovviamente presentata in anteprima a Bauma 2013 e ora arriva su tutti i mercati europei; parliamo della nuova pala gommata ZW220-5 di Hitachi, una macchina spinta da un motore d 7,8 litri e 145 kW di potenza erogata e con un peso operativo compreso fra le 17,7 e le 18 tonnellate. La capacità di benna è compresa, a seconda degli allestimenti, tra 2,4 e 3,5 m3. Numerose le implementazioni all'insegna della produttività: circuito idraulico completamente ridisegnato, sistema antibeccheggio per evitare dispersioni di materiale in marcia, abbassamento graduale e scorrevole del braccio di sollevamento e, non ultimo, esclusione della frizione. Il tutto consente di ridurre il consumo di carburante. Nuova anche la cabina, più ampia e con maggiore visibilità della serie precedente; grande lo schermo LCD e utilissimo e pratico il piantone dello sterzo rientrabile con regolazione dell’inclinazione e telescopico.

venerdì 10 maggio 2013

La carica dei piccoli

Direttamente da Bauma 2013, ecco i nuovi cinque modelli di miniescavatori che Hitachi ha presentato al mercato; parliamo di cinque macchine a incombro ridotto dal più piccolo ZX33U-5 al più grande ZX65USB-5 (in mezzo ci sono il ZX38U-5, il ZX48U-5 e il ZX55U-5). Le caratteristiche che non mancheranno di colpire chi è abituato a lavorare su questo tipo di macchine ogni giorno sono essenzialmente due: la cabina molto più spaziosa (anche il sedile è più largo e l'accesso è decisamente più semplice anche per operatori "robusti") e il risparmio nei consumi di carburante che, rispetto alla generazione precedente di Zaxis, la 3, arriva a toccare punte del 21%. Secondo quanto dichiarato da Hitachi, anche la struttura di tutti i miniescavatori è stata irrobustita sia per quel che riguarda la protezione dell'operatore in cabina sia dal punto di vista della durabilità della macchina nel tempo.

giovedì 21 febbraio 2013

Un nuovo gommato per Hitachi

Il nuovo escavatore gommato ZX140W-5 che Hitachi porterà sul suo stand di Bauma monta un nuovo motore Isuzu (ovviamente Stage IIIB) da 90,2 kW che aumenta decisamente la produttività oraria della macchina rispetto al modello della serie precendente; aumentata anche la capacità di sollevamento e cresce anche la forza di strappo alla benna che arriva a 104 kN. Il peso operativo, a seconda degli allestimenti, varierà da un minimo di 14,7 ton a un massimo di 16,6 ton, mentre la profondità massima di scavo dichiarata dall'azienda giapponese è di 5030 mm (braccio penetratore di 2,52 m con braccio monoblocco). Numerose anche le innovazioni in cabina, soprattutto nel senso della maggiore visibilità: il carter anteriore sul lato destro è infatti stato completamente ridisegnato per garantire all'operatore la piena visione del cantiere. C'è anche un nuovo monitor montato sulla nella colonna a destra, in modo da non bloccare più la visuale attraverso la finestra anteriore. Ovviamente c'è la telecamera di sicurezza posteriore, il cui angolo di visibilità è stato ulteriormente ampliato.

martedì 11 dicembre 2012

Colossi si nasce!

E' il più grande mai prodotto da Hitachi nel segmento dei dumper rigidi; parliamo dell'EH5000AC-3, un bestione spinto da un Cummins da 2850 cavalli (Tier 2), equipaggiato con il sistema di azionamento (Hitachi Drive System, HDS) di terza generazione, che presenta funzioni come il controllo antislittamento per la trazione (paragonabile al controllo attivo della trazione) e per la tenuta su strada (paragonabile a un sistema ABS). Inoltre l'EH5000AC-3 equipaggia anche il sistema di azionamento CA (sviluppato da Hitachi) che garantisce una maggiore efficienza e quindi un notevole incremento della produttività oraria anche sulle lavorazioni più dure, tipiche del settore minerario in cui questi dumper si troveranno a operare. Nuovo anche il sistema di frenatura, più rapido e efficiente di quelli equipaggiati sui modelli precedenti.

martedì 20 novembre 2012

Quota 50000

E' arrivato in Svizzera il miniescavatore numero 50.000 assemblato in Europa da Hitachi; si tratta di un ZX17U-2 acquistato dal noleggiatore BauRent AG Ost che ha già un parco mezzi a noleggio composto da 150 macchine Hitachi, dallo ZX10U-2 allo ZX225USRLC-3. Proprio lo ZX17U-2 è uno dei modelli più richiesti dai clienti del noleggiatore e conferma una partner storica con Hitachi come sottolinea Hanspeter Jaiser, amministratore delegato di BauRent AG Ost. “Acquistiamo macchine Hitachi dal 2003 e siamo sempre stati più che soddisfatti della loro versatilità, che le rende ideali per il noleggio. Riceviamo anche un alto grado di assistenza e supporto da Probst Maveg, che è il nostro rivenditore". Che dire? 50.000 di questi miniescavatori!

mercoledì 7 novembre 2012

I loro primi 40 anni

Dal 1972 il mondo è cambiato davvero tanto, sono caduti i muri, sono scomparse URSS e Jugoslavia, ci sono state crisi politiche e economiche, ma Hitachi Construction Machinery Europe ha continuato a lavorare in Europa; si sono infatti tenuti pochi giorni fa i festeggiamenti in Belgio per i 40 anni di attività della filiale europea di Hitachi. Alla presenza di di Moriaki Kadoya, presidente di HCME, del suo predecessore Mitsuhiro Tabei e di Shinichi Mihara, amministratore delegato di HCM, si sono tenuti i festeggiamenti presso la sede belga con tutte le famiglie dei dipendenti e poi quelli a cui hanno presenziato tutti i dealer europei. “Nel 1972 HCME ha avviato la sua attività con quattro addetti e oggi è un'impresa con 600 dipendenti e un giro d'affari di 600 milioni di euro.” - ha esordito Kadoya che ha continuato - "Siamo soddisfatti di come il nostro business ha continuato ad espandersi. Naturalmente Hitachi intende restare in Europa. La nostra promessa alla clientela è che continueremo a migliorare i nostri prodotti e servizi, dando in questo modo il nostro contributo allo sviluppo di attività proficue”.

mercoledì 24 ottobre 2012

Il soldato Reese si rinnova

La base aveva preso il nome da un soldato americano, James W Reese, morto nello sbarco di Sicilia nel 1943; parliamo della struttura che l'esercito americano sta ristrutturando a Augsburg, in Germania, 45 ettari di strutture, depositi e uffici in cemento armato. Ora, nell'ambito della revisione della presenza americana in Europa, parte delle strutture sono in corso di demolizione e uno dei lotti è stato appaltato alla KS Engineering che si occupa anche della selezione dei materiali di risulta e dello smaltimento di quelli pericolosi. Per la demolizione l'impresa di Laupheim ha scelto il nuovo Hitachi ZX350LC-5s che affianca due ZX350LCN-3s acquistati nel 2010 e nel 2011 e che hanno già all'attivo rispettivamente 3500 e 2000 ore di lavoro. La scelta degli Hitachi, sia dei due della serie 3 sia del nuovo della serie 5 viene motivata da Manfred Schöllhorn così: "Nella demolizione ogni perdita di tempo è inaccettabile per la riduzione di produttività che genera e per il conseguente, grave, danno di immagine. Ovviamente sono importanti anche le prestazioni (che Hitachi garantisce appieno), ma sono soprattutto l'affidabilità della macchina e del servizio di assistenza correlato che per noi sono fondamentali". Il prezzo? Viene dopo a detta di Schöllhorn.

martedì 9 ottobre 2012

Gigante a noleggio

E' davvero un noleggio inusuale quello che il dealer Hitachi tedesco Kiesel ha effettuato alla Schön + Hippelein per la sua cava vicino a Heidenheim, nel sud della Germania; lo è per la macchina noleggiata, una delle prime della serie 5 di Hitachi che escono a noleggio e lo è per le dimensioni della macchina stessa, uno Zaxis ZX670LCH da più 67 tonnellate. Il mezzo supporta due veri giganti da cava,  ZX870H-3 con benna rovescia, per l'estrazione di grandi quantitativi di roccia contenente carbonato di calcio. Non solo la proprietà della cava è soddisfatta della scelta, ma anche gli operatori come testimonia Robert Hahn che è ai comandi del nuovo Zaxis: “Lo ZX670LCH-5 è molto potente e ha una notevole capacità operativa nel carico degli EH750 anche con rocce molto grandi. La cabina è spaziosa, con un ottimo sedile e il pannello comandi è quasi come quello di una macchina, facile da tenere sotto controllo".

lunedì 17 settembre 2012

I titani del carbone

Saranno i più grandi escavatori marchiati Hitachi mai venduti in Africa; parliamo dei due EX8000-6 che la società mineraria Vale ha acquistato per la sue miniere di carbone nella provincia di Tete in Mozambico. In particolare gli EX8000-6 lavoreranno nella miniera a cielo aperto di Moatize e fanno parte di un ambizioso piano di investimenti che punta ad ampliare la produzione fino a 22 milioni di tonnellate di carbone all'anno. Entrambi gli escavatori sono stati acquistati con contratti personalizzati di assistenza, fondamentali in Africa, dove gli EX8000-6 dovranno sopportare le peggiori condizioni climatiche del continente, con temperature che superano i 50 °C. “Vale conosce i macchinari necessari per avviare l’attività nella miniera ed è al corrente del grado di utilizzabilità degli equipaggiamenti che usiamo altrove nel mondo e dell’assistenza che ricevono," sostiene Mário Carpegiane, Supervisore Manutenzione a Moatize. "Hitachi gode di un’ottima reputazione ed è rinomata per le continue innovazioni alle macchine da miniera".

martedì 4 settembre 2012

Giganti giapponesi per l'Africa

La First Quantum Minerals, una delle società di estrazione più importanti del mondo, ha recentemente pianificato il rinnovamento della propria flotta di dumper nella grande miniera di rame di Kansanshi in Zambia;  il progetto è quello di aumentare l'estrazione di rame dalle attuali 230.000 tonnellate a 400.000 tonnellate. La miniera è gestita da una società controllata all'80% dal Governo dello Zambia, con una quota della First Quantum Minerals dell'11%. Per raggiungere le produzioni richieste, la società ha programmato l'acquisto di 23 EH3500ACII per un investimento complessivo di 370 milioni di dollari.  John Coleshaw, Project Manager della First Quantum è particolarmente soddiafatto della scelta: “Gli EX1200s, EX1900s e EX2500s che abbiamo in flotta avevano ormai accumulato oltre 40.000 ore di lavoro cadauno e abbiamo deciso di affiancarlo con i nuovi EH3500ACII, macchine particolarmente apprezzate dai nostri operatori per l'ottimo ambiente di lavoro. Un vantaggio importante è anche il sistema di retarder automatico che ci consente di regolare la velocità durante le discese a pieno carico, riducendo le sollecitazione e aumentando di conseguenza la vita utile delle macchine. Non dimentichiamo infine che la tecnologia elettrica implementata sugli EH3500ACII ci consente di ridurre di molto i costi operativi".

mercoledì 1 agosto 2012

Hitachi su grazie a Asia e Americhe

Vendite in crescita, nel primo trimestre fiscale, del 14% a 2,57 miliardi di dollari per la giapponese Hitachi che vede aumentare il venduto in tutti i continenti, anche se la parte del leone la fanno l'Asia (Cina esclusa) e le Americhe. Drastica crescita anche per l'utile netto che sale di addirittura il 123%, arrivando a 68 milioni di dollari. Come dicevamo le vendite sono cresciute tantissimo negli USA (+86%) complice la ripresa che ha influenzato soprattutto il segmento del noleggio e quello della produzione di energia. L'Asia cresce invece del 38%, ma preoccupazione desta il dato controtendenza della Cina, in cui le vendite crollano addirittura del 45%. Malino anche l'Europa che fa registrare un arretramento del 5% rispetto ai dati dello stesso trimestre 2011, soprattutto per la difficoltà dei mercati del sud Europa (vedi rapporto Ascomac Cantiermacchine).

venerdì 13 luglio 2012

I magnifici sei

Hitachi ha recentemente concluso un accordo (tramite il suo concessionario locale CMD) di vendita per sei dumper rigidi EH3500ACII che verranno messi al servizio della grande miniera di fosfati di Mishor Rotem (vicino al deserto del Negev) di proprietà della israeliana Rotem Amfert Negev Ltd. Il responsabile mezzi della miniera di Mishor Rotem prevede di far effettuare circa 6400 ore di lavoro annue ai dumper in temperature di lavoro davvero impegnative: circa 40 °C. I grandi Hitachi sostituiscono una flotta di Euclid che ha effettuato circa 100.000 ore di lavoro e che viene dismessa per ottenere considerevoli risparmi sui costi operativi e per fruire di un'elettronica di ultima generazione per tenere sotto controllo redditività e prestazioni del nuovo parco macchine. Hitachi, assieme alla fornitura dei sei dumper, assicurerà la formazione a ben 90 operatori della Rotem Amfert Negevche si alterneranno sulle macchine destinate a lavorare senza interruzione nella miniera, sette giorni su sette per 24 ore al giorno.

mercoledì 4 luglio 2012

I piccoli Hitachi e Gehl a tasso 0

Fino al 15 settembre 2012 sarà possibile acquistare le macchine compatte dei marchi Hitachi e Gehl a tasso 0 (tan 0, taeg 1,067); continua infatti la campagna dei due marchi e del concessionario Scai sui finanziamenti per tutte le macchine piccole. La promozione prevede un anticipo del 20% (valore macchina al netto dell'IVA), 40 rate mensili e un riscatto finale calcolato sull'1% del valore della macchina. Scai e Hitachi non si fermano qui, ma, anzi, propongono ai clienti un contratto di garanzia estesa a 36 mesi senza costi aggiuntivi. Ovviamente per godere della benefici della garanzia estesa (che non copre alcuni materiali di consumo), i clienti dovranno effettuare regolarmente la manutenzione programmata e un'analisi periodica dei lubrificanti e tutte le manutenzioni ordinarie e straordinarie previste dal Manuale di Uso e Manutenzione della macchina.

mercoledì 16 maggio 2012

Hitachi verniciatura verde

88% di rifiuti in meno; importante risultato per Hitachi Construction Machinery Europe che ha adottato un nuovo sistema di verniciatura per i componenti delle macchine ottimizzato per ridurre i rifiuti chimici derivati dalla verniciatura nel suo stabilimento di Amsterdam. Il nuovo sistema, che sostiusce quello precedente a sedimentazione, in cui la vernice affonda o si sedimenta sul fondo della vasca d’acqua sotto l’impianto, consente di separare la vernice dall'acqua della vasca e quindi di riutilizzarla nel ciclo di verniciatura, mentre i fanghi derivati dalla vernice che affiorano vengono eliminati “scremandoli” dal serbatoio in una quantità che si prevede sarà di 30 tonnellate l’anno (al posto delle 260 tonnellate di rifiuti del ciclo precedente). Robin Huijsman, responsabile dell’Ingegneria di Produzione e Compliance Officer per i regolamenti ambientali per HCME spiega: “La pulizia della vasca sotto l’impianto di verniciatura due volte l’anno era un lavoro difficoltoso e sporco. Con il nuovo sistema siamo in grado di rimuovere la vernice in eccesso dall'acqua, che così può essere riutilizzata. In questo modo l'impianto di verniciatura è più pulito e il sistema di filtraggio che rimuove le particelle di vernice dall’aria funziona meglio”.

mercoledì 9 maggio 2012

Nuovo presidente per Hitachi

Hitachi Construction Machinery Europe ha un nuovo Amministratore delegato (e Presidente); si tratta di Moriaki Kadoya che ha assunto da maggio le nuove cariche concentrando su di sè anche la responsabilità per i mercati della Russia, dei paesi dell’ex-URSS, del Medio Oriente, dell'Africa settentrionale e centrale. Un compito impegnativo per il nuovo CEO che però ha già seguito i mercati europei come direttore vendite tra il '92 e il '98, per poi dirigere (fino a marzo di quest'anno) i mercati americani. "L’Europa è un mercato difficile, competitivo, che esige la conformità a un'ampia gamma di requisiti, perfino tra le diverse applicazioni in ciascun paese.” - afferma subito Kadoya ben dimostrando di conoscere le problematiche del nostro continente e continuando, “I mercati emergenti che circondano l’Europa stanno acquisendo crescente importanza per HCME, come del resto nell’attuale clima economico i progetti infrastrutturali e il settore minerario. L’obiettivo che perseguiamo insieme alle nostre affiliate e alla rete dei concessionari Hitachi è fare leva sulle nostre forze per fornire prodotti e servizi alle imprese del settore minerario e a quelle impegnate in contratti di larga scala". Primo compito? il lancio dei nuovi escavatori Zaxis-5 e delle nuove pale gommate ZW-5.

venerdì 4 maggio 2012

Produzione e risparmio

L'abbiamo vista in esposizione a Interma e ora la nuova pala gommata ZW250-5 arriverà sui cantieri di tutta Europa (è stata infatti pensata da Hitachi per le esigenze dei mercati del nostro continente); la nuova pala è conforme alle norme europee sulle emissioni di inquinanti e può funzionare in due modalità: una per le operazioni ordinarie, con consumo ridotto di combustibile, e l’altra per i compiti più gravosi, con produttività incrementata. Il selettore rapido accresce la potenza, quando è necessario, mutando modalità di lavoro e la funzione opzionale di arresto automatico previene gli sprechi di combustibile durante lunghi periodi di funzionamento al minimo. La cabina della nuova ZW250-5 è più spaziosa che nei modelli precedenti; il sedile a sospensione pneumatica può essere maggiormente arretrato lasciando più spazio per le gambe dell’operatore; il piantone dello sterzo inclinabile e telescopico, a "pop-up”, è stato spostato per facilitare ulteriormente l’accesso. L’isolamento sonoro della cabina attutisce i rumori provenienti dall’esterno, creando un ambiente di lavoro più piacevole per l'operatore.

giovedì 19 aprile 2012

Dammi un cinque!

Non era un segreto, ma è sempre una piacevole sorpresa; Hitachi a Intermat ha portato diversi nuovi escavatori della serie 5; i modelli esposti per la prima volta al pubblico sono sette, di cui uno (davvero bello) in versione da demolizione, il ZX470LCH-5. Oltre all'allestimento da demolizione, Hitachi ha presentato quattro nuovi escavatori di fascia media (ZX250LC-5, ZX250LC-5, ZX290LC-5 e ZX350LC-5), lo ZX670LCH-5, bestione da quasi 70 ton (per la precisione il peso varia fra le 68,4 e le 69,8 ton a seconda delle versioni) e, infine, ma non per questo meno importante, anzi, uno dei primi ibridi al mondo, lo ZH200 che utilizza un motore di rotazione che trasforma in energia elettrica (e quindi riduce i consumI) l'energia generata quando la torretta rallenta. Risultato? Riduzione dei consumi (rispetto a un ZX210-3 con motore di nuova generazione) del 20%.

martedì 10 aprile 2012

Hitachi da demolizione

Prestazioni incrementate (almeno dalle prime indicazioni) per la nuova gamma di escavatori in versione demolizione di Hitachi; A Intermat i visitatori potranno vedere la prima delle nuove macchine, un Hitachi 470LCH-5 solo però con il braccio a due segmenti e non quindi in versione da demolizione alta. In questa configuarazione la nuova macchina potrà lavorare con un attrezzo da demolizione da 3,5 tonnellate a una quota di 25 metri. La versione con braccio in tre segmenti potrà lavorare a 27 metri di altezza con un'attrezzatura da 2,5 tonnellate. Peso complessivo del nuovo 470LCH-5: 63 tonnellate. Tra le novità più interessanti, la possibilità, grazie a un sistema migliorato di attacchi rapidi, di cambiare la configurazione, da scavo a demolizione e viceversa, in meno di un'ora. Le nuove motorizzazioni dovrebbero, sempre secondo Hitachi, garantire un discreto risparmio di carburante a parità di prestazioni rispetto ai modelli della serie precedente.

giovedì 29 marzo 2012

Titani della cava

Probabilmente in Italia non li vedremo (dato che non ci sono tante cave che ne potrebbero giustificare l'acquisto), ma dei nuovi due giganti di Hitachi val la pena parlare lo stesso; la casa giapponese ha, infatti, presentato ufficialmente al mercato il 1° febbraio 2012 l'EX5600-6 4 l'EX2600-6: il primo è un frontale con benna rovescia da 34 m3 (la versione con benna normale carica 29 m3), per intenderci con quattro passate si riempie un dumper da 220 tonnellate, mentre il secondo carica, con la benna rovescia, 17 m3 a colpo. Entrambi gli escavatori EX5600-6 e EX2600-6 sono adatti per lavorare in condizioni meteorologiche estreme, dalle regioni tropicali alle zone fredde e montuose e la cabina è ovviamente perfettamente condizionata e dotata di tutti i comfort, dalle luci a led, al sedile a sospensione pneumatica, con leve dei comandi di facile utilizzo e un ampio monitor LCD.

giovedì 26 gennaio 2012

Première Hitachi

Per Hitachi si parte dalla nuova serie 5 di escavatori cingolati: a Intermat saranno quattro i modelli della nuova gamma di Zaxis-5, lo ZX250LC-5 (25,3 ton e 132 kW di potenza), lo ZX290LC-5 (29,1 ton e 140 kW di potenza), lo ZX350LC-5 (34,1 ton e 202 kW di potenza) e lo ZX470LCH-5 (48,5 ton e 270 kW di potenza). Tutti i modelli montano i nuovi motori Isuzu Stage IIIB e il sistema idraulico che Hitachi chiama HIOS IIIB, garantendo così un incremento significativo di potenze e produttività assieme a una riduzione dei consumi di carburante. Oltre agli escavatori core, Hitachi esporrà a Parigi anche cinque modelli di mini a coda corta, quattro midiescavatori cingolati Zaxis-3 e tre escavatori gommati (sempre Zaxis-3) e, infine, sei pale gommate della gamma ZW tra medie e grandi.

lunedì 19 dicembre 2011

Hitachi arriva dappertutto

Le macchine da produzione per l'escavazione in cave sommerse sono tipicamente quelle a braccio lungo. Si tratta di mezzi specifici che richiedono, per garantire le produzioni richieste, un corretto mix fra prestazioni e manovrabilità; mix raggiunto, a quanto sembra dalle dichiarazioni del cliente, dall'Hitachi ZX350LC-3 che lavora in due siti estrattivi del gruppo Colas in Francia, Nel primo, a Naujac-sur-Mer, l'escavatore movimenta circa 70000 tonnellate all'anno, scavando fino a cinque metri sotto il pelo dell'acqua; nel secondo, a Queyrac, un altro ZX350LC-3 arriva addirittura a una profondità di scavo di nove metri, per un totale movimentato annuo di circa, in questo caso, di 30000 tonnellate, che vengono caricate su una flotta di dumper articolati.

venerdì 18 novembre 2011

Si va dove il mercato c'è

I mercati europei del settore mmt sono ancora in situazioni molto difficili, non è un segreto per nessuno. Interessante però che ci sia qualcuno che non aspetta che il mercato cresca da solo, ma che se lo va a cercare. All'estero. E' il caso della Moviter, concessionaria di Hitachi per Portogallo e sud della Spagna (aree più colpite dell'Italia dalla crisi) che ha recentemente investito nel mercato angolano (dove parlano portoghese). Uscito da una guerra civile durata 27 anni, l'Angola ha prospettive di sviluppo interessanti soprattutto per la ricchezza di materie prime, che fanno pensare a un ciclo di crescita sostenutoi per i prossimi anni. Da qui la scelta del dealer Portoghese di investire nella rete e nel postvendita per essere vicino ai clienti locali e alle imprese portoghesi che in Angola lavorano. Da rifletterci su.

giovedì 29 settembre 2011

Le strade del cielo

Dopo 12 anni di servizio, il Terminal2 dell'aeroporto di Milano Malpensa sta beneficiando di un complessivo programma di ristrutturazione e riqualificazione destinato a aumentarne efficienza e ad adeguarlo alle esigenze mutate del traffico aereo interenazionale; si occupa dei lavori di ristrutturazione la CIC, Compagnia Italiana Costruzioni, che ha scelto fra le altre macchine, anche un miniescavatore Hitachi ZX52U-3 per le opere di completamento delle piste, per la realizzazione delle trincee degli impianti e per la sistemazione e la modellazione del terreno circostante a piste completate. Le caratteristiche che hanno orientato su Hitachi la scelta di CIC? Profondità di scavo e carico (quattro metri, notevole per un mini), affidiabilità e bassi livelli di emissione rumorosa, sia all'interno sia all'esterno della cabina.

martedì 23 agosto 2011

Versatile per la demolizione

EBM, consociata del grande gruppo francese Vinci, doveva demolire un edificio di sei piani nel quartiere La Villette di Lione; una particolarità del lavoro era che esso doveva essere portato a termine lavorando soprattutto la notte dato che nelle immediate vicinanze dell'edificio da demolire correvano importanti arterie di traffico e una linea di tram. La scelta della macchina da demolizione è caduta su un Hitachi ZX350LC-3 per la sua versatilità dato che può passare velocemente dalla configurazione di scavo a quella da demolizione; in quest'ultimo allestimento equipaggia un braccio da demolizione di 21 metri, inoltre utilizza lubrificanti biocompatibili che non inquinano l'ambiente.

lunedì 1 agosto 2011

Un Signor ordine

Ordine importante per Hitachi: 50 dumper rigidi EH5000ACII sono stati acquistati dall'indonesiana Kaltim Prima Coal che li impiegherà nelle sue miniere sull'isola di Kalimantan. I nuovi dumper affiancheranno quelli che la Kaltim ha già in flotta (EH4500, dodici EX3600-6 e sei escavatori EX2500-6) per consentire di raggiungere una produzione annuale complessiva di oltre 80 milioni di tonnellate nei prossimi tre anni.Il combustibile estratto da questo sito minerario, il carbone Prima, è di ottima qualità, ad alta resa energetica, con un tenore medio di zolfo e scarso contenuto di ceneri e umidità. Gli escavatori lavorano per rimuovere lo strato di sbancamento ed estrarre il carbone, mentre i dumper trasferiscono il materiale sbancato altrove nel sito.

venerdì 24 giugno 2011

Al cimitero delle navi

Una demolizione davvero inusuale quella che Mammoet Salvage ha iniziato pochi giorni fa sulle spiagge della Mauritania; tre grandi escavatori cingolati Hitachi ZX870-3 modificati per il lavoro, stanno demolendo le navi arenate lungo le spiagge della baia di Nouadhibou. Vero e proprio cimitero all'aperto, la baia è ormai occupata da oltre 300 grandi relitti (principalmente cargo e petroliere), 70 dei quali verranno demoliti nel quadro di un progetto da oltre 28 milioni di euro finanziato dall'Unione Europea. Le navi hanno stazze comprese fra 200 e 1200 tonnellate e verranno demolite in circa 22 mesi. Per lavorare con grandi cesoie i tre Hitachi sono stati dotati di contrappeso aggiuntivo da 5 tonnellate e il braccio è stato esteso di 1,5 metri.

martedì 14 giugno 2011

E' nato il 150.000 bimbo

E' uno Zazis 52U-3 ed è il 150.001 miniescavatore che esce dalla linea di produzione di Hitachi Construction Machinery Tierra Co. Lo hanno ufficialmente festeggiato in Olanda lo scorso 9 maggio 2011, prima di consegnarlo al signor Bart Godts dell’impresa movimento terra e demolizioni BVBA Godts che ha comperato la macchina. Il nuovo mini andrà ad aggiungersi alle altre dieci macchine Hitachi che l'azienda già possiede tra mini, pale gommate, escavatori gommati e cingolati.  “La consegna della macchina numero 150.001 è un tributo all’eccezionale qualità dei mini escavatori Hitachi. Sono felice di poter presenziare a questo avvenimento” - ha affermato Masamichi Itou, dirigente generale di divisione degli impianti a Oosterhout - “Siamo ugualmente fieri oggi del prodotto che realizziamo quanto vent’anni fa, quando fabbricammo la prima macchina”.

mercoledì 30 marzo 2011

Riparte la produzione Hitachi

Dopo il devastante sisma che ha colpito il Giappone, ripartono gli impianti produttivi di Hitachi nel Giappone Nord-Orientale che erano stati danneggiati o la cui produzione si era interrotta in seguito alla catastrofe. Ad oggi tutti gli impianti hanno infatti ripreso la produzione, anche quelli siti nella provincia di Ibaraki, la più colpita dal sisma. Gli impianti che, a vario titolo si erano fermati, sono quelli di Hitachinaka, Ryugasaki, Tsuchiura e Kasumigaura. Qualche problema nella filiera potrebbe venire ancora dalle infrastrutture portuali giapponesi, che in alcuni casi sono state completamente distrutte dallo tsunami che ha seguito il terremoto.

mercoledì 2 febbraio 2011

Hitachi ricicla

Una flotta di macchine Hitachi è stata utilizzata per svolgere un importante compito di riciclaggio di materiale da costruzione, calcestruzzo e rifiuti industriali provenienti da impianti di betonaggio per la francese Villeparisis Clamens di Philippe Clamens. Questa società gestisce ben 800.000 t di materiali da costruzione ogni anno e 300.000 di cemento e fanghi. Per queste operazioni di riciclo è utilizzato l’escavatore Hitachi ZX350LC-3 che schiaccia i materiali che vengono poi trasportati con l’utilizzo della pala gommata ZW310 e rivenduti per l’impiego in pavimentazioni stradali. Clamens è stato soddisfatto di come la flotta Hitachi si è comportata per questo tipo di lavori, infatti dal 2005 hanno fatto parte del suo parco macchine anche gli escavatori ZX160W-3 e le pale EX135 e ZW250.

mercoledì 19 gennaio 2011

Pale gommate al Samoter

I tre nuovi modelli di pale gommate Hitachi, ZW65, ZW75 e ZW95, hanno dimensioni compatte che ne semplificano il trasporto e consentono loro di lavorare in spazi ristretti anche con capacità di carico elevate, grazie al differenziale autobloccante che accresce l’aderenza al suolo e al cilindro installato sui lati delle pale che dona maggior equilibrio durante la guida. La cabina diventa più spaziosa, offrendo un comodo ambiente di lavoro: bassa rumorosità, ampio display, joystick multifunzionale e visibilità su tutti i lati del mezzo. La manutenzione risulta rapida in quanto il filtro, il radiatore e il motore sono in posizione strategica, offrendo vantaggi di costi d’esercizio e riduzione dei tempi di fermo macchina.

martedì 18 gennaio 2011

Scavare con la massima precisione

L’escavatore Hitachi ZX225USRLC-3 è stato utilizzato per realizzare un nuovo parcheggio sotteraneo di 6 piani nel centro di Parigi, fornito dal concessionario ufficiale francese Paven. Il suo utilizzo è stato neceassario per scavare in profondità togliendo oltre 65.000 m3 di terra. Con il suo braccio telescopico ha raggiunto la profondità di 25 m e grazie al suo raggio di rotazione ridotto (zero tail, la coda della macchina non sporge dai cingoli) ha caricato direttamente i 13 camion. Il braccio del ZX225 USRLC-3 ha un movimento telescopico agevole che ha permesso di superare al meglio la sfida più difficile cioè quella di lavorare in un terreno ricco d’acqua e quindi particolarmente morbido.

lunedì 27 dicembre 2010

Quaranta anni e non sentirli

Era il 1970 e in Giappone usciva l'UH03, il primo escavatore idraulico realizzato interamente con tecnologia giapponese; il produttore? Hitachi, allora capitalizzata per 3,8 miliardi di yen. L'anno dopo esce la prima gru idraulica, la KH150 e nel 1972 nasce in Olanda Hitachi Construction Machinery Europe, la sussidiaria europea della casa del Sol Levante. A quaranta anni dalla sua fondazione Hitachi è una delle prime 30 aziende giapponesi e capitalizza oltre 8,1 miliardi di yen. Tanta acqua è passata sotto i ponti...

mercoledì 15 dicembre 2010

La ZX250LC-3 fa battere il record a Hitachi

Hitachi, attraverso il suo concessionario rumeno Powertek Equipment, ha consegnato il 1000esimo escavatore per applicazioni speciali. Si tratta del modello ZX250LC-3 venduto a Russian Mechel Group, il cui contratto prevede l’acquisto di 6 macchine complessive: tre ZX250LC-3 e tre ZX250W-3 dotati di cabina ad elevazione idraulica, braccio di sollevamento corto, braccio dritto con cilindro e benna. La 1000esima macchina rappresenta un grande traguardo per HCME poichè contribuisce a consolidare il successo delle macchine per la movimentazione materiali in Europa, per questo lo stabilimento di Oosterhout ha organizzato una cerimonia, il 18 novembre 2010, per festeggiare il traguardo.

venerdì 3 dicembre 2010

Grandi consegne Hitachi in Italia

Importanti commesse per il rivenditore ufficiale Hitachi in l’Italia Scai, che ha consegnato un primo lotto di pale gommate ZW330, ZW370 e ZW550, ideate per il settore cave, nate dall’esperienza congiunta di Hitachi e Kawasaki. I 3 modelli sono equipaggiati con motori potenti ed economici progettati per offrire maggiore efficienza e produttività con ridotti costi di esercizio. La ZW550 è stata venduta a FB Cave di Massa Carrara, di proprietà di Furrer, che gestisce un’importante cava di marmo; con questa pala si stima che la produzione annuale possa arrivare fino a 20.000 t. È sempre un’escavatore Hitachi l’EX800H che si occupa di estrarre il marmo e caricare i camion. La ZW550 ha stabilità e trazione eccellente grazie ai pneumatici specifici, quindi è la soluzione giusta per il trasporto dei carichi pesanti nella cava che arrivano fino a 40 t. La prima ZW370 consegnata in Italia è al lavoro nella cava di Casal Selce, fuori Roma, di proprietà del Gruppo Mezzanotte. La cava, di circa 20 ettari, produce oltre 9000 t di aggregati, è stata scelta per la capacità della benna di 5 m3 e si va ad aggiungere alla già nutrita flotta Hitachi che lavora all’interno della cava dove troviamo un escavatore ZX870-3, tre ZX470-3, due ZX60USB-3 e altre 2 pale gommate ZW310.

mercoledì 24 novembre 2010

Puntando sulla Cina

Hitachi ha investito 90 milioni di euro, per i prossimi 3 anni, per le operazioni in Cina. L’investimento sarà utilizzato per aumentare la produzione di escavatori nel paese da 20000 a 30000 unità, visto che il direttore di Hitachi Cina, Akihko Hiraoka, ha constatato che la domanda nel paese continuerà a crescere grazie alle concrete iniziative di sviluppo del governo cinese che prevedono almeno 5 anni di sviluppo delle infrastrutture. Hitachi prevede che le vendite di escavatori cresceranno di circa il 15% nel 2011. La strategia punta al rafforzamento degli impianti esistenti, alla fornitura di componenti made in Cina e non più solo giapponesi, così si aumenteranno le gamme di escavatori cinesi da 6 a 87 t e si introdurrà la versione da 120 t. Gli escavatori Hitachi non si occuperanno solo delle costruzioni, ma entreranno in settori in forte espansione come la demolizione, il trattamento dei rifiuti e il lavoro in impianti chimici.

martedì 2 novembre 2010

Hitachi e l’importanza dei pezzi di ricambio

Hitachi ha annunciato l’apertura, per aprile 2011, di un nuovo European Parts Centre. Un investimento significativo di 12 milioni di euro per ampliare una struttura già esistente di circa 53.000 m2, di proprietà della casa automobilistica Citroen, e situata a Oosterhout nel sud dell’Olanda, che verrà ampliata dal nuovo complesso di 7600 m2 a Vijf Eiken per dare maggiore sostegno alla precedente struttura.
La fornitura di Hitachi Genuine Parts è un anello fondamentale nella catena di servizio Hitachi, il nuovo stabilimento avrà una capacità di stock di oltre 90.000 pezzi di ricambio destinati ai rivenditori europei, del Medio Oriente, Russia e Africa; con in più una specifica area di stock per i prodotti chimici come i lubrificanti. Il tutto comprenderà più di 70 dipendenti che gestiranno fino a 800 ordini al giorno per un totale di 70.000 pezzi al mese. Questo permetterà a Hitachi di aumentare le vendite e riorganizzare al meglio il magazzino per quanto riguarda stoccaggio e movimentazione.

mercoledì 22 settembre 2010

Hitachi ZX33U-3 lavora per la Città del Vaticano

Il mini escavatore ZX33U-3 una delle più recenti novità della gamma Hitachi sta operando al restauro di un edificio residenziale dell’inizio del 20° secolo, nella Città del Vaticano, destinato a diventare alloggio per i pellegrini in visita. La ditta dei fratelli Schiavi che si occupa dei lavori ha scelto lo ZX33U-3 versatile, maneggevole, ideale per lavori in spazi ristretti, dotato di una luce supplementare per lavorare nelle aree più buie e con un minor consumo di carburante rispetto ai modelli precedenti.
Il ZX33U-3 è stato indispensabile per sgomberare ben 30.000 m3 di terra e materiali di scarto dalla struttura di 3 piani scaricandoli fuori dalle finestre e per lo scavo nel seminterrato per ridurre l’umidità.

mercoledì 25 agosto 2010

Hitachi scopre una nuova risorsa nel minerario

Hitachi (HCME) ha ricevuto una richiesta di 10 dumper rigidi EH3500ACII dalla finlandese Talvivaara Mining Company, utilizzati per i lavori nella miniera vicino a Sotkamo, a 600 km da Helsinki. L’importanza della commessa ha visto la presenza alla cerimonia di consegna di Shungo Dazai direttore e presidente Hitachi Construction Machinery e di Rotator, il dealer finlandese per HCME. Dall’ottobre 2008 Rotator ha avviato anche la commessa di 2 escavatori EX3600-6BE e 8 dumper EH3500ACII. La flotta delle macchine Hitachi contribuisce al successo di TMC: gli escavatori EX3600-6BE possono caricare fino a 3200 tonnellate l’ora e i dumper EH3500ACII lavorano a una velocità di 40 km/h e possono svuotare il carico ogni due minuti anche durante gli inverni rigidi. Il nuovo obiettivo della partnership è quello di trovare soluzioni sempre migliori grazie all’affidabilità delle macchine giapponesi e all’esperenza del personale Rotator per la crescita di TCM.


venerdì 6 agosto 2010

Hitachi sceglie l'interattività

Hitachi Construction Machinery (Europe) NV ha recentemente lanciato una rivista online interattiva per tutti i proprietari, gli operatori e gli appassionati delle macchine movimento terra Hitachi. iGround Control è stata concepita come integrazione della rivista Ground Control ed è la prima nel suo genere per quanto riguarda il settore movimento terra. La rivista digitale utilizza le ultime tecnologie per creare una piattaforma ricca di contenuti multimediali, ma con la praticità delle tradizionali riviste stampate. iGround Control include video dinamici e splendide fotografie delle macchine, dei clienti e delle fiere Hitachi, oltre ai cantieri del settore presenti in tutto il mondo, ai contenuti scaricabili e alle funzioni animate. Inoltre, la rivista digitale, distribuita con cadenza semestrale, è disponibile in sei lingue europee: inglese, francese, italiano, tedesco, spagnolo e olandese.

mercoledì 17 marzo 2010

Hitachi punta alla conquista dell’Italia

Si allarga la gamma di pale gommate Hitachi con i nuovi modelli ZW330, ZW370 e ZW550 che puntano a conquistare il mercato italiano. Le pale sono equipaggiate con motori potenti ed economici, trasmissione power shift, cambio automatico delle marce gestito tramite computer di bordo e differenziale di coppia che facilita gli spostamenti. Per quanto riguarda le benne per le 3 ZW la loro capacità è di 4,6 e 6,2 m3 e l’inclinazione è gestita tramite un sensore angolare. Le pale Hitachi sono dotate di ventola di raffreddamento idrostatica e funzione di autopulitura dei radiatori mentre gli spostamenti sono resi più facili dal sistema di sterzo Load Sensing. Il design è riconoscibile dalle cofanature robuste e scorrevoli, dalla cabina comfortevole per l’operatore e dotata di ampie vetrate.

martedì 2 marzo 2010

Quando un buon concessionario fa la differenza

Quale miglior occasione per festeggiare il sodalizio che dura da anni fra Hitachi, l’azienda DMVH e il suo concessionario autorizzato in Belgio. Proprio a DMVH è stato venduto il 25000esimo escavatore gommato Zaxis, di medie dimensioni, ZX140W-3. Proprio grazie al concessionario, negli anni DMVH ha ordinato circa 130 macchine Hitachi provenienti dallo stabilimento di Amsterdam. Non a caso ciò che ha spinto DMVH ad acquistare macchine Hitachi, nel corso degli anni, è stata la vasta gamma dell’azienda nipponica e la qualità del servizio post-vendita fornito dal concessionario.

mercoledì 24 febbraio 2010

Jewell modifica escavatori Hitachi e Deere per il Dipartimento USA

L’impresa Jewell Attachments mette a disposizione escavatori idraulici Hitachi e John Deere, con modifiche appositamente apportate, per rispondere alle esigenze del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Lo scopo è smantellare una serie di edifici nucleari a Hanford e Idaho. Sono già al lavoro due macchine Hitachi EX1200 e ZX800 e una Jonh Deere 850D. Tutte e tre raggiungono altezze di lavoro tra i 27,5 e 30,5 m e possono trasportare pesi in punta che variano dai 6,2 alle 9,1 t. Per renderli più sicuri e adatti allo scopo, Jewell Attachments ha dotato gli escavatori di cabine con telai più pesanti, vetro blindato e un sistema di eliminazione immediata della polvere. Inoltre dispongono di un sistema idraulico potenziato e visibilità ottimale grazie all’aggiunta di telecamere.

giovedì 11 febbraio 2010

I nuovi fantastici 10 di Hitachi

Hitachi, insieme ai suoi concessionari Hcme e Kiesel, presenterà al Bauma i nuovi mini escavatori Hitachi: ZX18, ZX27 e i modelli a coda corta ZX29, ZX33, ZX38, ZX48, ZX52, ma anche le pale gommate di grandi dimensioni ZW330, ZW370 e ZW550. I mini escavatori sono utilizzati per applicazioni leggere e possono essere facilmente trasportati oltrechè utilizzati per lavori in aree urbane dove lo spazio è limitato. Dispongono di forza e velocità maggiore rispetto ai modelli precedenti e, tra i vantaggi della coda corta, c’è il controllo automatico della velocità che mantiene la stabilità. Dispongono della tecnologia Eco Zone che riduce i consumi mantenendo l’alto livello di produttività e del sistema idraulico Hitachi per garantire il flusso ottimale d’olio. Le pale gommate, dotate di controllo di trazione che regola automaticamente la velocità, sono le prime macchine ad essere lanciate in Europa dopo l’alleanza tra Hitachi, Kawasaki e TCM.

venerdì 11 dicembre 2009

Trasportabilissimo!

Una macchina davvero semplice da trasportare che non concede niente alla concorrenza in fatto di prestazioni, comfort e maneggevolezza; questa in sintesi la scheda del nuovo ZX27-3 di Hitachi che viene a completare la gamma di mini della Casa giapponese. Il nuovo mini monta una motore da 19.1 kW che massimizza il rapporto prestazioni-consumi e pone lo ZX27-3 ai vertici del segmento dei miniescavatori. I tecnici Hitachi hanno concentrato la propria attenzione sulla riduzione dei costi di manutenzione e di esercizio del miniescavatore che sono stati notevolmente ridotti, grazie a un'ampia serie di accorgimenti come le nuove protezioni per i cilindri del braccio e per le tubazioni olio della benna. Il nuovo ZX 27-3 pesa solo 2,71 ton e può essere trasportato ovunque senza problemi, anche nelle aree urbane più anguste dove verrà senz'alto apprezzata la silenziosità di questo nuovo miniescavatore.

martedì 1 dicembre 2009

Arrivano i piccoli!

Hitachi prosegue nel rinnovamento della gamma dei mini: dopo lo ZX14-3 arrivano ora anche in Italia due nuovi miniescavatori, lo ZX16-3 e lo ZX18-3. Sono entrambi disponibili nelle versioni con cabina e con tettuccio e fruiscono di tutte le innovazioni tipiche della linea Zaxis che caratterizza le macchine più grandi di Hitachi. Ovviamente entrambi i modelli sono stati pensati per lavorare "nello stretto", riducendo, rispetto ai modelli precedenti, consumi e costi di manutenzione. Anche la vita utile, secondo le prime dichiarazioni dei tecnici Hitachi, è stata notevolmente allungata. Nuovi i motori (da 10,7 kW) che consentono forze di scavo aumentate di circa il 18 % rispetto ai modelli precedenti e  una maggiore velocità di lavoro frontale. I pesi? 1,6 ton per lo ZX16-3 e 1,77 ton per lo ZX18-3, con cubature di benna, per entrambi i modelli,  comprese fra 0.02-0.05 m³ .

lunedì 24 agosto 2009

Qualità a basso costo

Sei mesi di garanzia e un costo pari alla metà del componente nuovo; ci sembrano due ottimi motivi per provare la nuova proposta di componenti originali Hitachi rigenerati direttamente dal costruttore giapponese. Tutti i pezzi che fanno parte del programma vengono testati secondo un rigido protocollo di qualità e potranno essere considerati come aggiornamento all'ultima versione disponibile, perché costruiti in linea con le più recenti specifiche industriali.  Kenji Ota, responsabile HCME per l’Assistenza Prodotti, ha sottolineato, “Siamo lieti di poter offrire ai nostri clienti l’opportunità di acquistare componenti rigenerati per le macchine Hitachi. Il nostro obiettivo è una maggiore soddisfazione del cliente e lo perseguiamo proponendo componenti di qualità pari a quella delle parti nuove.” Nell'ambito del programma sono disponibili i componenti principali degli escavatori cingolati (pompe e motori di traslazione) e anche gli assali e le trasmissioni delle pale gommate e degli escavatori gommati. Un buon inizio.

martedì 21 luglio 2009

Arriva anche la ZW180PL

Arriva anche la terza pala di Hitachi a leverismo parallelo sul mercato europeo: si tratta della ZW180PL ed è una versione studiata per garantire il massimo della versatilità in quanto ad accessori. Può montare e impiegare al meglio, infatti, forche, accessori per la movimentazione tronchi, benne di grande volume, garantendo una variazione (meno del 3 %) minima dell'angolo di inclinazione dell'accessorio quando il braccio è alzato. Immediatamente evidenti i vantaggi, ad esempio, per l'uso con le forche. Come la sua sorella standard, la ZW180 in versione PL implementa il nuovo sistema idraulico messo a punto da Hitachi e già testato con successo sugli escavatori Zaxis. Nuova e molto spaziosa anche la cabina. Molto lavoro è stato profuso dai tecnici Hitachi per la semplificazione della manutenzione e dei relativi costi.; tutti i serbatoi e i livelli sono accessibili da terra senza particolari problemi. Aspettiamo di vedere la ZW180PL sul campo.

giovedì 9 luglio 2009

Hitachi affronta le parallele

Entrano nella gamma Hitachi due nuovi modelli di pala a leverismo parallelo: si tratta della ZW140PL e della ZW150PL. I due nuovi modelli, oltre a condividere con le altre pale gommate Hitachi di nuova generazione una lunga serie di migliorie tecniche, sono particolarmente indicati all'impiego con attrezzature come  forche, pinze per tronchi e benne ad ampia capacità per la movimentazione di materiali relativamente leggeri come trucioli di legno, neve e compost. Quando il braccio di una pala gommata PL viene sollevato, la variazione dell’angolo dell’accessorio è minima (inferiore a tre gradi), rispetto a una normale pala gommata dotata di meccanismo "Z-link" (a "Z") (superiore a 26 gradi). Particolarmnete utile per la movimentazione di pallet su fondi sconnessi, ad esempio. Anche le altezze di sollevamento rispetto ai tradizionali modelli a Z sono maggiori, come maggiore è il controllo della benna. Entrambi i modelli sono dotati di attacco rapido per un più veloce cambio degli accessori. La nuova trasmissione idrostatica HST consente alle pale infine una maggiore mobilità della benna a pieno carico, ma anche manovre più fluide sui pendii, in accelerazione e decelerazione.

mercoledì 3 giugno 2009

Verde Hitachi?

Hitachi COnstruction Machinery Europe ha, a fine maggio 2009, presentato un ambizioso piano di riduzione delle emissioni di Co2 in atmosfera. Si parla di 100 milioni di tonnellate in meno entro il 2025, riduzione ottenuta mediante il potenziamento delle caratteristiche a tutela dell’ ambiente, sui materiali, ricambi, componenti e design del prodotto, sfruttando per tale scopo le tecnologie sviluppate dal Gruppo stesso. Il risultato è già oggi perseguito con convinzione dato che in Giappone, ad esempio, sono già in vendita escavatori ibridi personalizzati e si sta lavorando per realizzare macchine conformi sia alla normativa europea sugli scarichi Stage IIIB, che entrerà in vigore nel 2011, sia alla normativa Stage IV, in vigore nel 2014. HCM aspira a raggiungere l'obiettivo delle emissioni zero entro il 2015. Ciò significa che la quantità totale di CO² rilasciata durante la produzione e la distribuzione delle macchine verrà neutralizzata dalla riduzione delle emissioni di anidride carbonica provocate dalle macchine stesse durante la loro vita e dal loro smaltimento.

venerdì 20 marzo 2009

Novità Hitachi a Intermat

Hitachi, marchio giapponese fra i più importanti a livello mondiale, presenterà a Intermat diversi nuovi modelli introdotti a cavallo del 2008 e di questo 2009 di crisi; innanzitutto il miniescavatore ZX14-3, inserito nella classe delle due tonnellate, semplice da trasportare e caratterizzato da costi di manutenzione davvero ridotti all’osso. Allo stand di Intermat ci sarà anche la nuova pala gommata ZW140, la più piccola della gamma Hitachi. Numerose le novità e le macchine esposte in settori specifici come quello della demolizione: potremo vedere a Parigi l’escavatore ZX470LCH-3, con braccio da demolizione da 27 metri. Ci saranno infine i movimentatori gommati per materiali ZX250W-3 e ZX360W-3, sviluppati appositamente per il mercato , anche se questi ultimi li avevamo già visti al Samoter.... Buona fiera!

martedì 3 febbraio 2009

Transporter anche per Hitachi

Non tanto mini il nuovo transporter presentato da Hitachi: il nuovo trasportatore cingolato EG70R-3 ha un design basato sugli escavatori cingolati Zaxis-3. Il nuovo transporter ha torretta girevole a 360° ed è dotato di monitor multifunzione e inclinometro. La cabina è rinforzata ROPS e la visibilità per l'operatore è davvero molto soddisfacente. Macchina resistente all'usura, il nuovo transporter monta radiatori dell'acqua e dell'olio in alluminio montati in posizioni estremamente semplici da raggiungere per le operazioni di manutenzione. Da vedere.

martedì 16 settembre 2008

Piccolo occhi a mandorla

Il nuovo modello ZX14-3 entra a far parte della gamma dei mini escavatori Hitachi. Il mini escavatore ha un peso operativo di 1460 kg con un motore Yanmar a 3 cilindri da 10,7 kW con una cilindrata di 854 cc. Potenza e tecnologia, questi gli elementi che contraddistinguono il marchio giapponese.

domenica 2 marzo 2008

Non c’è due senza tre

Hitachi incrementa la propria gamma di miniescaatori tra i 15 e i 20 quintali, commercializzando anche in Italia il nuovo ZX17U-2 che, con peso operativo di 1850 kg, garantisce una potenza motore di 11 kW. Short tail, lo ZX17U-2 ha un raggio di rotazione posteriore di 675 mm, cingolo e lama regolabili per facilitare il trasporto. Utile per cantieri con poca libertà di movimento come quelli urbani e stradali (parzializzazione del traffico invece che chiusura dell’intera sede stradale). Il motore è ben più silenzioso dei modelli precedenti e si può semplicemente ispezionare tramite un portello con apertura verticale che consente ispezioni agevoli anche in spazi ristretti.

mostra tutte le notizie >>


Hitachi Construction Machinery Europe