notizie: Doka Italia
lunedì 9 febbraio 2015

Doka d'Africa

Importante riorganizzazione all'interno del gruppo Doka in generale e, nello specifico in Doka Italia; nel quadro della ristrutturazione strategica del Gruppo, che ha visto l'accorpamento dell'area sovranazional e Sud Europa con quella dedicata ai Paesi africani, Doka Italia assume la responsabilità per sette Paesi del continente Africano.

La struttura italiana, forte di un gruppo riconosciuto a livello internazionale per la capacità tecnica e organizzativa, seguirà nello specifico le imprese (italiane, ma anche internazionali, oltrechè quelle locali) dei seguenti Paesi:  Angola, Capo Verde, Ghana, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Tunisia e São Tomè.

Doka Italia  non è nuova a cimentarsi con successo in esperienze progettuali e costruttive internazionali: lo testimoniano il colossale progetto per la costruzione, lungo la ferrovia ad altà velocità  algerina Oued Tlelat-Tlemcen, delle pile dei viadotti, ma anche quelle della linea ferroviaria North-West link in Australia. Senza dimenticare la fornitura di strutture provvisionali utilizzate per la costruzione della totalità delle stazioni della nuova linea metropolitana Cityringen a Copenhagen.

lunedì 4 agosto 2014

Sotto c'è il parcheggio

La carenza di aree libere e la densità edilizia che caratterizza i centri urbani italiani hanno costretto le Pubbliche Amministrazioni e i privati a costruire in altezza i nuovi edifici; si è tuttavia delineata un’altra tendenza, sempre resa necessaria dalla mancanza di spazi in superficie: la costruzione in profondità, soprattutto per gli spazi accessori, di servizio e per i locali tecnici. Un caso esemplare è quello dell’Università Popolare di Trento, dove l’impresa incaricata dei lavori, la Bramerini Francesco e Figli, sta realizzando un parcheggio interrato di grandi dimensioni e con una forma molto complessa in pianta. La Bramerini ha scelto di utilizzare il  sistema per solai Dokadek 30 e ne ha utilizzati ben 800 metri quadri, che hanno consentito di gettare il solaio (spesso 32 cm, con altezza di puntellazione pari a  3,13 metri) in due sole fasi.

Il responsabile di cantiere di Bramerini, il geometra Gianantonio Romelli, ha apprezzato la versatilità del sistema Dokadek 30 che ha permesso di coprire con gli elementi un’importante percentuale della superficie di getto, riducendo di conseguenza al minimo le aree per cui si è resa necessaria una compensazione.

I moduli Dokadek 30 (forniti nelle due versioni, da tre e da due metri quadri di superficie) hanno anche consentito di lavorare in assoluta sicurezza anche nelle zone più critiche, come, appunto, quelle di compensazione attorno ai pilastri e sono risultati fondamentali per la qualità del calcestruzzo all’intradosso del solaio che rimarrà a vista: la finitura superficiale plastica degli elementi di Dokadek 30 ha consentito all’impresa di ottenere un risultato omogeneo e di alta qualità che non ha richiesto ulteriori interventi di finitura.

venerdì 30 maggio 2014

Doka in Bovisa

Il tema dell’edilizia scolastica è uno dei driver di crescita da cui ci si aspetta di più nei prossimi anni: all’interno di questo macrocontenitore particolare interesse suscita il segmento delle residenze temporanee per studenti di cui un bell’esempio è quella che sta sorgendo in via Cosenz 54 a Milano. Sul cantiere troviamo al lavoro l’impresa Pedergnani Costruzioni che sta impiegando, per le elevazioni dei piani interrati e fuori terra il sistema di cassaforma Doka Xlife e per i solai il Dokadeck 30. L’edificio si articola su sei piani fuori terra a cui si aggiungono due livelli interrati per un totale di circa 8.400 metri quadri calpestabili, i cui solai sono tutti stati gettati in opera, con un ritmo veloce di ciclo che ha consentito all’impresa Pedergnani di licenziare un getto a settimana, lavorando da terra, senza il bisogno di lavorare sulla cassaforma, con evidenti vantaggi dal punto di vista della sicurezza. Tutti i solai dei piani fuori terra e interrati sono stati realizzati impiegando il sistema per elementi per solai Dokadek 30, sostenuto da puntelli Eurex 30/300; il sistema ha consentito di realizzare i solai, spessi al massimo 35 cm, con un ritmo particolarmente serrato: ad esempio, ogni piastra del piano interrato, per un totale di circa 1800 metri quadri, è stata realizzata in soli 10 giorni, con un getto in sole due fasi. Altro vantaggio per l’impresa: la ripuntellazione dopo lo scassero e stata realizzata reimpiegando il 50% dei puntelli impiegati nella prima fase di getto, con un considerevole risparmio nei costi vivi di noleggio degli elementi di puntellazione. Ovviamente la velocità di ciclo è stata ottenuta nella massima sicurezza per gli operatori che possono lavorare velocemente anche grazie alla modularità garantita dagli elementi che compongono il Dokadek 30.

venerdì 28 marzo 2014

Dalla Bulgaria all'Adriatico

La Bosnia è diventata, dopo la terribile guerra che ne ha devastato il territorio, uno dei crocevia nevralgici per l'Europa; all'interno del suo territorio passano infatti numerose direttrici strategiche di traffico, tra cui anche il corridoio paneuropeo Vc che collega la Bulgaria alla Dalmazia. In Bosnia si snodano ben 397 km di tracciato che, vista la natura selvaggia del territorio, prevedono un gran numero di opere di attraversamento, in primo luogo ponti e viadotti. E' su due, tra i più spettacolari dal punto ingegneristico, di questi, il il Studencica e il Trebižat, che troviamo all'opera i carri per per conci a sbalzo Doka: il lavoro è davvero impegnativo (il Studencica è lungo 555 metri e alto fino a 120 metri, con una largezza di impalcato di 12,4 metri) e i casseri Doka consentono di realizzare sezioni di impalcato da 5 metri ogni settimana. La soluzione proposta da Doka ha consentito alla società impegnata nella costruzione di risparmiare ben otto settimane di lavoro rispetto alle soluzioni concorrenti. Anche per le pile sono stati impiegati sistemi Doka: la cassaforma rampante MF240, movimentata con gru, e la cassaforma a telaio Framax Xlife. I testapila sono state realizzati con puntellazioni per getti contro terra posizionate in orizzontale.

mercoledì 22 gennaio 2014

Il Modul di Doka

Quello che colpisce nel sistema di ponteggio multidirezionale Modul appena presentato da Doka ai mercati internazionali (e quindi anche in Italia) è la sua logica di integrazione e di sistema; logica che si esplica su più livelli: innanzitutto il ponteggio, disponibile nell'offerta di noleggio del produttore di casseforme austriaco, ha una modularità davvero spinta, è disponibile con altezze variabili fino a un massimo di 12,45 metri e consente l'adattamento in pianta a quasi tutte le tipologie di strutture (i nodi sono colocati con passi di 50 cm e hanno piastre di connessioni che ne garantiscono la flessibilità su otto direzioni). Altro aspetto che non mancherà di essere apprezzato: fino a 12,5 metri il ponteggio non necessita di opere di ancoraggio (tempi di allestimento e di smontaggio più rapidi), inoltre azzera gli errori di montaggio dato che gli operatori, anche quelli con meno esperienza, possono solo montarlo in un unico modo, con la certezza di essere sempre in sicurezza durante le operazioni di allestimento. I componenti sono leggeri e si bloccano uno all'altro (con un solo colpo di martello) in pochi secondi mediante un sistema a cuneo che assicura la rigidità dei nodi. Secondo aspetto importante per quel che riguarda l'integrazione: Modul si abbina perfettamente alle soluzioni di torri scala di Doka, traslabili con gru, e ovvamente può essere utilizzato per ogni tipo di operazione di getto dalla posa del ferro, fino alla finitura delle superfici di calcestruzzo.

martedì 29 ottobre 2013

Successo per il Doka Truck

Oltre 1900 km attraverso i cantieri di tutta italia; il Doka Truck nelle sue tappe italiane ha riscontrato davvero un notevole successo, se oltre 1000 persone hanno seguito l'iniziativa itinerante di Doka, che ha toccato 14 cantieri tra i più interessanti oggi attivi in Italia, da Bolzano a Napoli. Il pick up (con traino) Doka è stato accolto ovunque con curiosità e interesse (anche perchè distribuiva caffè alle 6 di mattina) e sia le maestranze sia le direzioni dei lavori di tutti i cantieri hanno fatto a gara per essere fotografati per poi apparire sul profilo Facebook di Doka che ha registrato tantissime interazioni durante tutto l'arco temporale dell'iniziativa.

giovedì 10 ottobre 2013

Sta per partire il Doka Truck

Ormai ci siamo, la prossima settimana arriva in Italia il Doka Truck e l'azienda produttrice di casseforme provvisionali ha reso noti i cantieri (con relative date) in cui sosterà il van appositamente allestito per l'evento. Come avevamo ricordato verranno distribuiti caffè e snack e sarà l'occasione per un incontro informare fra maestranze di cantiere e tecnici e personale Doka. Ecco allora gli appuntamenti: lunedì 14 ottobre - ore 06:30-09:30 Cantiere commerciale, Zona Artigianale – Chienes (BZ)  pe poi ore 11:30-13:30 Cantiere residenziale, Via Josef Schweinghofer – Brunico (BZ); martedì 15 ottobre -  ore 06:30-09:30 Cantiere Expo, Via Cristina di Belgioioso (angolo via Montello) – Mazzo di Rho (MI) e poi ore 11:30-13:30 Cantiere Studentato, via Enrico Cosenz – Milano; mercoledì 16 ottobre - ore 06:30-09:30 Cantiere Pedelombarda, via Leopardi (angolo Via Repubblica) – Grandate (CO) e poi ore 11:30-13:30 Campo Base Pedelombarda, Via Garibaldi 62 – Turate (CO); giovedì 17 ottobre - ore 06:30-09:30 Cantiere TEEM – Viadotto Lambro, Strada Statale 17 – Cerro al Lambro (MI) e poi ore 11:30-13:30 Cantiere Brebemi - Riqualificazione SP 103 "Cassanese" – Cassina De Pecchi (MI); venerdì 18 ottobre - ore 06:30-09:30 Cantiere Variante di Bernate, Autostrada MI-TO – Mesero (MI) e poi ore 11:30-13:30 Cantiere Variante Strada Statale 1 Aurelia - tratta Savona-Albisola - Albisola (SV); sabato 19 ottobre - ore 11:30-13:30 Cantiere Torre Intesa San Paolo, via Giovanni Carlo Cavalli - Torino; lunedì 21 ottobre -  ore 06:30-09:30 Cantiere Centro Commerciale Laurentino, Via Laurentina - Roma e poi ore 11:30-13:30 Cantiere Parcheggio di Largo XXI Aprile (Zona Piazza Bologna) – Roma; martedì 22 ottobre - ore 11:30-13:30 Cantiere Stazione Metropolitana “Duomo”, Piazza Nicola Amore - Napoli.

venerdì 13 settembre 2013

Vicini, vicini!

Per chiunque viva il cantiere sul serio, il momento più duro è il mattino, quello vero, quando in ore antelucane si comincia a lavorare; ma anche la giornata non scherza affatto. In Doka, dato che di vita di cantiere se ne intendono, lo sanno e per questo, accanto alla quotidiana attività di sostegno tecnico ai professionisti del cantiere hanno lanciato a livello europeo il "Doka Truck" che visiterà cantieri in tutta Italia, distribuendo documentazione, merchandising e offrendo un piacevole momento di pausa alle maestranze con snack e bevande. Potrete trovare il truck, un un automezzo con rimorchio con i colori e i marchi Doka, nel mese di ottobre su un elenco selezionato di importanti cantieri in tutta Italia, da Bolzano (si comincia il 14 ottobre) a Napoli (22 ottobre); l'elenco definitivo verrà pubblicato a breve su www.doka.it e comprenderà anche altri importanti centri italiani, come Torino, Como, Milano, Novara, Savona e Roma.

venerdì 17 maggio 2013

Nuovo GM in Doka

Il mese di maggio porta un nuovo general manager in Doka Italia; assume pienezza di carica infatti Marco Falcone, la cui nomina si inquadra in una strategia generale del produttore austriaco di casseforme e sistemi provvisionali di implementare ulteriormente i servizi di ingegneria legati alla fornitura di casseforme. Falcone che arriva da esperienze in JCB, in OM Pimespo e in Goodyear Dunlop Tires ha dichiarato, al momento dell'insediamento ufficiale “Il nostro obiettivo è quello di continuare a differenziarci per la qualità dei servizi che offriamo, oltre che dei prodotti, per supportare i nostri clienti in un mercato sempre più esigente e competitivo”.

venerdì 5 ottobre 2012

Due son meglio di una

Doka sarà presente al Saie di Bologna, ma anche al Made di Milano, dove presenterà il nuovo sistema per solai Dokadek. Al salone Made (17-20 ottobre, pad. 6 stand G39), Doka parteciperà all’iniziativa “Made in concrete”, per promuovere l’informazione sul tema calcestruzzo, organizzata da Atecap, in collaborazione con Made. Il pubblico potrà assistere a interventi di relatori tecnici e ad alcune dimostrazioni, nell’area del “Made in concrete” allestita grazie al sistema di cassaforme per pareti Framax Xlife Doka. Inoltre verrà presentato il nuovo sistema per solai Dokadek, una cassaforma a montaggio manuale, senza travi, dalla struttura leggera in acciaio, con telai verniciati a polvere e pannello Xlife. A differenza degli altri sistemi modulari presenti sul mercato, assemblaggio e disassemblaggio possono avvenire da terra, senza che l’operatore debba salire sulla cassaforma, operazione che assicura velocità di impiego e maneggevolezza. Invece al Saie (18-21 ottobre, pad. 25, stand A/133- B/86) Doka verrà premiata nel contesto della mostra “Saie People Meet Innovation”, per il sistema autorampante SKE 50 plus, utilizzato per la costruzione della Torre Unifim a Bologna. Grazie alla movimentazione idraulica dei moduli e all’avanzamento congiunto di casseforme e piattaforme di lavoro, questo sistema permette la completa autonomia dai mezzi di sollevamento in cantiere, anche ad altezze elevate.

lunedì 2 aprile 2012

Sicuri e premiati

Quando la sicurezza è vincente: in tutti i sensi. il Sistema Staxo 100 di Doka ha ricevuto in Spagna il Premio Europeo per la sicurezza nell'edilizia civile. Il sistema dipuntellazione Staxo 100 ha ottenuto il riconoscimento nella categoria "Innovazione e ricerca"; fra le motivazioni del riconoscimento la possibilità di effettuare le operazioni di montaggio e smontaggio in condizioni di estrema sicurezza, la maneggevolezza che riduce i tempi di lavoro e la riduzione dei costi di cantiere.

giovedì 15 marzo 2012

Doka pubblica in nuovo sito

Per chi avesse frequentato la precedente versione del sito degli austriaci di Doka, la nuova release, pubblicata ufficialmente la scorsa settimana anche in Italiano dopo l'uscita delle versioni in inglese e tedesco, è davvero uno shock; in positivo però, in Doka hanno ripensato completamente il proprio approccio agli strumenti digitali e, oggi, il nuovo sito è fra quelli più interessanti nel segmento del B2B per l'edilizia. Tante sono le funzioni implementate, ma soprattutto quello che colpisce è la semplicità di ricerca dei prodotti e delle soluzioni tecnologiche che consente a progettisti e imprese di individuare (con l'aiuto del sistema di navigazione) la scelta più adatta per risolvere i problemi del proprio cantiere. Altra innovazione apprezzabile: il sistema di visualizzazione delle referenze di cantiere: finalmente è possibile trovare con pochi click quello che si cerca; i cantieri pubblicati provengono da tutto il mondo (diversi anche dall'Italia), sono molto ben documentati e, soprattutto, sono georeferenziati, si possono quindi individuare realmente su una carta geografica. Ultima chicca: Doka regala ai propri clienti alcuni tools pratici utili per chi progetta: dal Calcolatore della pressione del cls fresco al sistema (un vero e proprio software da installare sul proprio personal computer) Tipos 7.0 che consente di ottimizzare i costi per le casseforme e le passerelle di sicurezza, introducendo i dati reali di progetto ottenendo in breve tempo soluzioni personalizzate con l’elenco esatto dei pezzi necessari per completare al meglio l’intervento. C'è davvero molto per una visita: www.doka.it

mercoledì 15 giugno 2011

A sostegno dell'energia

640 m2 di torri Staxo 40 vengono impiegate per il sostegno delle travi ribassate nei nuovi edifici della Raffineria Eni di Sannazzaro de Burgondi (guarda le immagini dell'intervento). Nell’ambito del progetto EST di ENI a Sannazzaro de’ Burgondi, l’impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro S.p.A., realizza la nuova Sala Controllo denominata SC1. Per il sostegno delle travi ribassate, gettate in opera, dei solai prefabbricati, la nuova puntellazione Staxo 40 è la soluzione giusta. Leggera, veloce da assemblare e sicura. Proprio quello che serve, per procedere velocemente con i lavori di casseratura dei solai e non impegnare la gru di cantiere. In questo caso, la dotazione di 640 m2 di Staxo 40 viene montata esattamente su metà del solaio da realizzare e, una volta gettato, portata in avanzamento sulla metà successiva. Sulla metà del solaio in maturazione viene mantenuta un ripuntellazione di puntelli Eurex 20-700, già integrata nella fase di armo. Inoltre, le torri di puntellazione Staxo 40 vengono impiegate a sostegno dei moduli esterni di cassaforma Top 50 per il getto delle pareti perimetrali dell’edificio, in cls. faccia a vista. Nello specifico, 80 ml di torri sostengono 500 m2 di cassaforma a travi per pareti.

mercoledì 15 giugno 2011

Doppia portata, stesso peso

La nuova trave I tec 20 di Doka (vedi la scheda tecnica sul sito Doka) rappresenta un salto tecnologico rispetto alle travi tradizionali con altezza 20 cm: pur avendo lo stesso peso, ha una portata dell’80 % superiore; questo apre prospettive completamente nuove per l’ottimizzazione nell’impiego del materiale in cantiere. Molti sistemi Doka per pareti e solai, fra cui la puntellazione Staxo 40, beneficiano dei vantaggi offerti da questa nuova trave. La trave riduce l’impiego del materiale e aumenta la portata dei sistemi, è robusta e ha un’elevata durata. Oltre allo sperimentato rinforzo delle estremità delle travi Top, in questo caso è previsto anche un rinforzo con materiale plastico delle ali. Il risultato? Rispetto alle travi tradizionali, una netta riduzione della tendenza alla formazione di schegge durante l’inchiodatura. Impiegata con la puntellazione Staxo 40 consente di disporre di portate molto alte, fino ad oggi garantite unicamente da putrelle in acciaio, pur godendo di un peso pari a quello delle tradizionali travi in legno.

martedì 3 maggio 2011

Su pei monti

Ecco un chiaro esempio di come Staxo 40 di Doka ottimizza l’investimento in cantiere. Siamo a Lentiai, in provincia di Belluno, dove la Cadore Asfalti sta realizzando il Viadotto Rimonta, a scavalco dell’omonimo torrente. Il viadotto ha una lunghezza di 134 m e un volume di getto complessivo pari a 1.200 m3 di cls, di cui 700 per l’impalcato e 500 per le ali laterali. Mentre per la puntellazione dell’impalcato viene impiegato Staxo 100 (il sistema pesante con portata max fino a 100 kN), per la puntellazione delle ali laterali si sceglie Staxo 40. Le sue caratteristiche tecniche ne fanno il sistema adatto per getti orizzontali con carichi elevati (portata max fino a 45 kN per stelo) e altezze rilevanti. La soluzione ideale per un’applicazione come questa, ma con il 50% in meno rispetto ad un sistema di puntellazione “pesante”. Portata ottimizzata … e investimento altrettanto!

martedì 26 aprile 2011

Un sostegno al sottopasso

370 m2 di soletta gettata in opera con spessore 90 cm e altezza 6 m per un sottopasso stradale nei pressi di Bolzano. Staxo 40 di Doka si integra perfettamente con il sistema di puntellazione pesante Staxo 100, adatto ai carichi elevati, e risolve i problemi legati alla geometria dell’opera. In questo caso specifico, infatti, era necessario disporre di torri più “snelle” per completare la puntellazione della soletta, realizzata in fasi di getto successive. Sicurezza esemplare durante le fasi di montaggio delle torri, preassemblate a terra comprensive di tutti gli accessori. Anche le operazioni di smontaggio sono state adeguatamente pianificate in termini di sicurezza, prevedendo un piano di camminamento parapettato da traslare.

martedì 19 aprile 2011

Superati i 3.000 telai in cantiere!

Gabriele Basile, Direttore Generale di Doka Italia, festeggia i 3.000 telai Staxo 40 in cantiere: “Il sistema è sul mercato italiano da pochi mesi, ma sta ottenendo un buon successo. Velocità di montaggio e sicurezza sono i suoi punti di forza. Ad oggi contiamo oltre 3.000 telai in cantiere, che saliranno a 5.000 entro la fine di aprile. Fra i cantieri che hanno scelto Staxo 40 possiamo citare la tangenziale di Merano, l’ampliamento della raffineria di Sannazaro de Burgondi, la metropolitana di Roma, il termovalorizzatore di Parma, la fiera di Gravina in Puglia e, non da ultimo il cantiere per il sistema Mose alla bocca di Porto di Lido. Staxo 40 è dunque un sistema versatile, adatto a svariate applicazioni, nei contesti costruttivi più diversi”.

lunedì 11 aprile 2011

Sotto Genova

Assenza di mezzi di sollevamento e spazi angusti. Quale soluzione per casserare un solaio in queste condizioni? Staxo 40! Il cantiere è quello della metropolitana di Genova, tratta De Ferrari-Brignole. Il solaio da realizzare si trova a livello + 12,50 m rispetto al piano dei binari, all’interno del pozzo Corvetto. Si tratta di un solaio di 110 m2 e spessore 0,5 m. Le torri Staxo 40 di Doka, assemblate manualmente dagli operatori in verticale, sostengono elementi di cassaforma a travi Top 50. Cosa dicono del sistema in cantiere? Leggero e veloce da montare, anche a mano. Magari lo avessero inventato prima! Metrogenova scarl, l’impresa esecutrice, dal 2007 ad oggi ha ultimato le seguenti opere nel contesto della tratta: una galleria a doppio binario lunga 1500 m, in parte realizzata in opera ed in parte con elementi prefabbricati, e i pozzi di ventilazione di Largo Lanfranco, Corvetto e Brignole.

lunedì 7 marzo 2011

Nuovo DG per Doka Italia

Ha 45 anni e arriva da Algeco Italia (moduli prefabbricati) il nuovo direttore generale di Doka Italia; Gabriele Basile è in carica dal 1 marzo 2011 subentra a Paolo Zumaglini, che assume ora la carica di Regional Manager Doka per i mercati del Sud Europa. "E’ stimolante – afferma Basile - assumere questo incarico in un’azienda dinamica come Doka Italia. Guardando al futuro, il mio impegno sarà rivolto al consolidamento della nostra leadership sul mercato italiano, confermata dai risultati estremamente positivi del 2010, mantenendo una viva attenzione all’area dei costi, per uno sviluppo equilibrato e coerente con le sfide attuali del mercato.

lunedì 31 gennaio 2011

Street boulder? Non solo....

Si dice spesso che in edilizia non si possa più inventare una comunicazione innovativa. In Doka non ne sono convinti e ce l’hanno dimostrato con un video (che ci è piaciuto molto): protagonista il nuovo sistema di puntellazione leggero per getti orizzontali, lo Staxo 40. Appena abbiamo visto il video (che pubblichiamo anche su gowemTV), abbiamo telefonato in Doka Italia per avere tutti i dati tecnici di prodotto. Numerose le novità che sono emerse: il sistema ha il 50% di componenti sciolti in meno e telaio a forma di H risulta l’ideale per le operazioni di edilizia residenziale e commerciale, consentendo di montare il tutto in metà tempo. Altra cosa confermata dai tecnici Doka: la regolazione del telaio potrà essere effettuata a pieno carico. Sembra anche che ci sia in Italia già un’applicazione che ci hanno promesso di fornirci a breve. Staremo a vedere....

mercoledì 3 febbraio 2010

Doka proiettata al futuro

Dopo l’ideazione del pannello Xlife, che rende la chiodatura più facile e la pulizia più rapida, Doka non si è fermata, e ha aggiunto alla sua gamma una cassaforma a telaio regolabile Framax Xlife. Per evitare ritardi dovuti all’uso di puntelli singoli Doka ha ideato un sistema di puntellazione a telaio più leggero, ergonomico e veloce che consente di effettuare piani di lavoro senza batterie su varie piattaforme, grazie alla flessibilità orizzontale di 3 m. Doka ha realizzato anche la cassaforma a travi FF110 tec che consente di ridurre di 1/3 i punti di ancoraggio e di risparmiare materiale e costi poiché può riempire con un solo getto pareti alte 3,60 m. Per quanto riguarda lo spostamento dei tavoli per solai Doka crea il carrrello per sollevamento DoKart che sostituisce la gru rendendo più facile il movimento; mentre per il trasporto della cassaforma su vari piani offre il sistema TLS che in soli 20 secondi porta il tavolo al piano successivo in maggiore sicurezza grazie al TLS autorampante che rimane sempre ancorato all’edificio. Queste sono alcune delle novità che Doka presenterà al Bauma.

mercoledì 27 gennaio 2010

Un’innovazione intelligente ed economica

Fra le tante innovazioni che Doka realizza per affrontare le nuove sfide nel campo della casseratura, al Bauma 2010, verrà presentata la cassaforma a telaio leggera Frami Xlife. I vantaggi del nuovo pannello sono: chiodatura più facile, pulizia più rapida, notevole prolungamento degli intervalli tra i cambi di pannello grazie all’uso del pannello stratificato in legno e plastica dotato di una speciale protezione per i fori di ancoraggio. Frami Xlife può essere combinata con l’angolo di disarmo interno per casserare vani interni in modo rapido e preciso. Verrà inoltre presentata la cassaforma per pilastri KS Xlife, dotata di pannello Xlife, che permette la realizzazione tempestiva dei pilastri rettangolari e quadrati grazie al meccanismo a cerniera.

martedì 6 ottobre 2009

Sicurezza a dispense

Non c'è bisogno di sottolineare quanto sia il bisogno di sicurezza nei cantieri italiani; la triste cronaca dei quotidiani e telegiornali ce ne conferma tutti i giorni tragicamente la necessità. Proprio per questo assume particolare significato lo sforzo di Doka che ha voluto fornire alle imprese e ai progettisti una serie di strumenti, agili e completi per approfondire modalità d'impiego dei sistemi Doka in sicurezza, con espliciti rimandi alla legislazione. I manuali forniscono una panoramica sulla normativa italiana di riferimento, descrivono nel dettaglio le singole fasi operative ed i rischi ad esse connessi, suggeriscono le procedure da adottare per garantire il rispetto della normativa e la tutela della salute dei lavoratori. L'obiettivo dei Quaderni è appunto quello di fornire a direttori tecnici, capicantiere e responsabili d'impresa un supporto chiaro e puntuale per affrontare la gestione della sicurezza in cantiere. I quaderni possono essere richiesti a questa mail: marketing-italia@doka.com Complimenti per l'iniziativa.

martedì 1 settembre 2009

Casseforme autorampanti per Unipol

Unifimm, società del Gruppo Unipol, ha deciso di dotarsi di una sede rappresentativa che unificherà le varie funzioni finora sparse sul territorio; la nuova struttura, un grattacielo da 120 metri di altezza, sarà costruito con l'aiuto di casseforme autorampanti Doka. Con le casseforme verranno realizzati i tre nuclei della torre, la cui forma irregolare ha richiesto uno studio specifico, e soluzioni tecniche differenziate per ogni nucleo. Il
sistema di casseratura, che sarà operativo in ottobre, è SKE 50 plus, l’ultima generazione di autorampanti Doka, potenziato nella velocità di salita e nel sistema di sicurezza integrato, con botole preassemblate e predisposizioni per le scale d’accesso. La realizzazione dell’intervento s’inserisce nel contesto di riqualificazione dell’area ex industriale che fiancheggia la tangenziale di Bologna con realizzazione, oltre che della torre uffici, di un albergo, un cinema multi-sala e un’area commerciale e servizi.

mercoledì 24 giugno 2009

Senza gru

ll nuovo sistema di sollevamento per tavoli Doka TLS stabilisce nuovi parametri nella traslazione verticale senza gru dei tavoli Dokamatic. Consente di traslare verticalmente da un piano all’altro i tavoli Dokamatic senza l’impiego della gru. Il tempo della gru così risparmiato, può essere impiegato in altro modo in cantiere, e si rende più veloce l’andamento dei lavori. Un ampio pacchetto di sicurezza permette di lavorare in maniera rapida e sicura, sia durante l’azionamento del sistema di sollevamento per tavoli sia durante il processo di traslazione in sé. Il sistema, al contrario delle gru, può anche lavorare in presenza di venti molto forti. Doka TSL può essere fissato a terra o al solaio, trasformandosi in un dispositivo rampante; Dopo l’aggancio e il fissaggio si prosegue subito con la traslazione dei tavoli Dokamatic. In questa posizione è possibile sollevare i tavoli per oltre 3 piani.

lunedì 16 marzo 2009

Framax Xlife

Framax Xlife di Doka è una cassaforma che, secondo il produttore, assicura una riduzione sensibile dei costi per gli ancoraggi. Come è possibile? La logica modulare, con passo di 15 centimetri, velocizza e semplifica le fasi di progettazione e casseratura, riduce il numero di compensazioni e di punti d'ancoraggio (e, pertanto, contiene l’impiego di manodopera e i costi di trasporto). Si riducono anche i costi di manutenzione: lo speciale rivestimento plastico del pannello permette numerosi riutilizzi e garantisce la massima omogeneità delle superfici in calcestruzzo. Il risparmio, sostiene Doka, si attesta al - 90% in relazione ai costi di armo e disarmo dei vani. L’angolo di disarmo Framax I rende più rapido e sicuro il disarmo e riarmo dei vani. Gli accessori per la sicurezza sono integrati e sono assemblati alla cassaforma da terra: il montaggio avviene una sola volta, e senza l’impiego di elementi aggiuntivi. I sistemi rimangono montati per tutta la durata del cantiere garantendo la sicurezza degli operatori durante tutte le fasi di lavoro.

venerdì 21 novembre 2008

Doka in metropolitana

E' il cantiere per la costruzione delle stazioni del prolungamento della Linea 2 della Metropolitana Milanese, con la nuova diramazione di Assago - Milanofiori Forum. L'intervento, che si sviluppa per 4,8 km (1,5 in sotterranea), interessa le fermate Assago Milanofiori Nord, Assago Milanofiori Forum e tre tratti di galleria. Le due nuove stazioni, con copertura esterna in alluminio, hanno pareti in "faccia a vista" alte 12 metri e gettate in un’unica sezione. Per costruirle, sono stati usati casseri a travi Top50 Doka, che, pensati per la circostanza, sono stati progettati per sopportare le spinte di getto. Per realizzare le superfici lisce ed uniformi richieste dal progetto, la cassaforma Top50 è stata impiegata con il pannello fenolico Dokaplex di Doka. Il sistema per i solai delle nuove stazioni - solai che sono prefabbricati con lastre predalles (travi di luce 15 metri e di altezza 1,30 metri) -, in ragione  della conformazione delle stazioni, con un piano mezzanino e un piano superiore che collega le due parti delle stazioni stesse, è stato differenziato: puntelli Eurex 30 450 per la puntellazione del piano banchina e torri di puntellazione 2 per la zona centrale. La parte complessa dell'intervento è stata la costruzione della galleria del prolungamento. L'impossibilità di interrompere la viabilità ordinaria, non ha consentito di costruire la galleria in più fasi (come di solito si fa): i monoliti sono stati realizzati esternamente e poi, con dei martinetti, sono stati spinti in sede. La conclusione del cantiere è preventivata per la primavera del 2009. 

giovedì 13 novembre 2008

Biblioteca da cantiere

Ci giunge completo, sotto forma di volume dal titolo “Opere provvisionali per manufatti in calcestruzzo – Gestione operativa, Produzione, Sicurezza”,  il progetto di monitoraggio cantieri ideato da Doka Italia e eseguito con la collaborazione del gruppo di ricerca C.A.P.S. (Costruzioni, Appalti, Progetto e Sicurezza) del Politecnico di Milano. Il volume identifica i modi per rendere ideale la gestione del cantiere sotto tutti gli aspetti: operativo; produttivo; economico e di sicurezza, con riferimento ai manufatti in calcestruzzo. Dallo studio prende rilievo con chiarezza che le migliori prestazioni - tecniche, economiche, di qualità, di sicurezza - sono state raggiunte nei casi in cui la cooperazione fra i diversi attori del processo edilizio si è avviata sin dalle prime fasi.

mostra tutte le notizie >>


Doka Italia