La Kimera ecologica - MGI Industry

L'impianto Kimera è una proposta di MGI Industry

Non si stringe nel destino del proprio nome, ma da esso trae forza. Si chiama Kimera, ma non è "ipotesi assurda, sogno vano, utopia", bensì solida realtà. E' un impianto mobile per la produzione di calcestruzzi, misti cementati e malte (secondo la normativa UNI EN 206-1). E', soprattutto, un modo rivoluzionario di fare produzione (esistono, sul mercato, pochissimi casi simili): si trasportano separati in appositi contenitori tutti gli elementi per confezionare  il calcestruzzo, che sono poi estratti dall'impianto, durante lo scarico, secondo la ricetta stabilita di volta in volta. La produzione avviene così al momento dello scarico. Kimera è anche - così dichiarano i produttori - una "macchina ecologica". I bassi consumi di carburante, la completa assenza di residui di lavaggio, gli intervalli di manutenzione limitati, i componenti che compongono la stessa macchina completamente riciclabili, la quasi assenza di rumore di funzionamento: le ragioni che fanno Kimera "macchina ecologica". La mobilità non rode la qualità, perché la produzione del conglomerato al momento dell’utilizzo (fresh concrete) consente di avere il massimo rendimento (+20%) con conseguente risparmio di cemento e additivi, e con la possibilità di evitare i classici deterioramenti per i tempi di trasporto, le soste forzate in cantiere e per i fattori climatici (caldo, freddo). Mobilità è anche indice di maggiore servizio. La configurazione di Kimera consente, con lo stesso carico, compatibilmente con la curva granulometrica caricata, di fare diverse consegne, cioè frazionate su più clienti. La macchina di MGI ha un sistema gps e uno di comunicazione dati via gprs che trasmettono alla centrale i parametri di lavoro, le ricette impiegate e la localizzazione, per rendere le consegne puntuali.

Cosa fa

Kimera consente di interrompere la produzione quando si vuole. E così si risparmia sugli sfridi tipici. La centralina elettronica fornisce il preciso consumo del calcestruzzo. La stampante di bordo può certificare, a richiesta, i m3 consumati e i dati della ricetta impostati, l'ora, i dati identificativi la macchina e l'operatore. Si può lavorare nelle più diverse situazioni: negli scarichi lenti (scarico con gru) o veloci; nei getti distanti dai punti di carico; negli scarichi frazionati; nei cantieri dove non si dà la possibilità di installazione di impianti tradizionali. La macchina può raggiungere una velocità di scarico di 70 m3/h, e bastano pochi litri di acqua (tra i 30 e i 50) per il suo lavaggio. E 50 litri sono ciò di cui ci si serve per lavare soltanto i canali di scarico delle autobetoniere. Il vantaggio, oltre al risparmio d'acqua, è che con Kimera non serve un impianto specifico per il ricicclaggio delle acqua sporche.

Si risparmia, anche tempo

Il nuovo impianto mobile di MGI Industry può essere caricato di inerte servendosi dell'impianto di betonaggio tradizionale o con una pala gommata, una terna, un escavatore. Per il cemento, un silos con coclea o attraverso un carico pneumatico da cisterna. Per caricare l'acqua: una pompa o una cisterna. Se scelte opportunamente le macchine per il carico, si possono risparmiare preziosi minuti. Costa meno. Il consumo di carburante è basso, perché Kimera preleva circa 40 kW dalla presa di forza sul motore dell'autocarro soltanto quando carica in cantiere. Nelle fasi di carico, trasporto, o nelle soste, la macchina non preleva potenza. Baricentro basso e una attenta distribuzione del materiale trasportato permettono a Kimera di dimezzare l'usura dei pneumatici (se il rapporto è fatto con una classica autobetoniera). Il peso della macchina in funzionamento è inferiore del 30% circa rispetto a quello di una autobetoniera. Bastando un volume d'acqua contenuto, Kimera può trasportare più calcestruzzo.

Dati

La capictà nominale di calcestruzzo reso è di 12 m3. Il serbatoio dell'acqua è da 2.700 litri. Il serbatoio inerte da 14,5 m3 (circa). Il serbatoio cemento da 5.000 kg. Di 200 litri è la capacità del serbatoio dell'olio idraulico. La portata massima è di 70 m3/h. Potenza utilizzata: 40 kW. il peso di Kimera è di 3.700 kg. E' alta 1.485 mm. Sono sufficienti 50 litri d'acqua per la sua pulizia. Accessori: telo di copertura; radiocomando; canala telescopica; carico pneumatico; canale di prolunga; kit luci di lavoro; GPRS-GPS; kit additivi; vasca a 2 inerti.

 

Articoli correlati

Il riciclaggio è mobile

L'impianto a freddo KMA 220 di Wirtgen, riprogettato, diventa più produttivo: fino a 220 tonnellate orarie

Fast&Power

Si tratta di rapidità e potenza in una dimensione mobile con capacità produttiva paragonabile a quella degli impianti tradizionali e fissi.