Bauma in salsa italo-cinese - CIFA

Novità Cifa a Bauma 2013

Sono molte le novità che Cifa, produttore di macchinari e attrezzature per il calcestruzzo, presenterà al Bauma 2013, in programma a Monaco di Baviera dal 15 al 21 Aprile (stand F9 905/2 area esterna). Ma è sopratttutto il “peso” delle novità dal punto di vista tecnologico a stupire, non solo il numero delle stesse; innanzitutto impressiona l’autobetoniera ibrida Energya 9 sia per il numero di brevetti sia per la concezione innovativa che ha del trasporto del calcestruzzo; notevole anche la gamma di nuove pompe Carbotech, soprattutto la nuova MK25H, prima betonpompa con elementi in composito. E poi ovviamente è da seguire con interesse l’evoluzione della strategia di penetrazione del mercato europeo da parte di Zoomlion, colosso cinese, proprietario di Cifa dal 2008.

Il Calcestruzzo diventa Verde

La prima e più importante novità riguarda l’autobetoniera ibrida plug-in Energya 9, sviluppata all’insegna della sostenibilità ambientale. E’ una betoniera a tamburo della capacità di 9 metri cubi. Studiata in collaborazione con il Politecnico di Milano, è già stata proposta per ottenere il brevetto. E’ dotata di un motore elettrico alimentato da un gruppo batteria al Litio intelligente, che riduce di molto i consumi, ma anche i decibel. La ricarica avviene sfruttando il motore diesel dell’autotelaio durante il trasporto su strada, oppure, durante le fasi di carico o fermo, tramite una presa plug-in collegata alla rete elettrica. Sempre per quel che riguarda la produzione del cls arriva l’impianto di betonaggio Cifamobile 50, dotato di un mescolatore Cifada un metro cubo/ciclo (il più piccolo della gamma), Cifamobile riesce a produrre 50 metri cubi di calcestruzzo premiscelato in un’ora. Monta un software appositamente studiato per la gestione dell’impianto (Cifawin), già in dotazione sulle betoniere stazionarie. A bordo ci sono due sili di cemento, in modo da poter iniziare la produzione anche se i sili a terra non sono ancora stati installati. L’impianto dispone inoltre di un sistema di lavaggio ad ogni ciclo e sfrutta l’acqua già dosata per impastare il calcestruzzo, cosa che fa risparmiare parecchia materia prima sul cantiere.

Guarda come ti proietto il calcestruzzo

Novità anche sul fronte dello spritz: il nuovo CSS-3 EVO è versione più avanzata del modello precedente Spritz Cifa; ha 4 ruote motrici con trasmissione idrostatica e tre modalità di sterzatura. Può toccare i 27 km/h e è dotato di quattro stabilizzatori autolivellanti, per garantire la massima stabilità in ogni condizione e di sei potenti fari allo xenon, per illuminare al meglio il lavoro in galleria. Monta un gruppo pompante a portata variabile dai 5 ai 30 m3/h, ed è provvisto di un braccio di distribuzione a tre sezioni (con una sezione telescopica di 1,8 m), installato su una torretta a doppio asse collocata su una slitta che può traslare di 3,7 metri in senso longitudinale. Il sistema di dosaggio di additivi Uniflux, è stato dotato di sensori in grado di monitorare tutti i parametri in tempo reale. Questa macchina può spruzzare calcestruzzo additivato in gallerie fino a 16 m di raggio, nonostante l’apertura del braccio richieda un’altezza di soli 3,1 m. L’optional più interessante è un compressore (Mattei), che assicura un’autonoma fornitura d'aria (11.500 l/min a 7 bar). Sarà presentata per la prima volta sul mercato tedesco anche la pompa carrellata CST 8.2, che fa sempre parte della gamma dei prodotti per calcestruzzo proiettato. Monta un motore da 45 kW (Tier4) che guida la fase di pompaggio, e ha una capacità di spruzzo variabile da 2 a 20 m3/h, con un braccio telescopico a due sezioni, in conformità alle normative europee. La pompa è installata su un telaio di dimensioni ridotte, concepito per le piccole applicazioni in tunnel e dispone di 4 ruote motrici a trazione idrostatica. Anche su questa macchina è montato di serie il compressore Mattei, che può produrre 8.900 litri al minuto. Come il CSS3-EVO, è dotato del sistema di dosaggio di additivi Uniflux.

Cifa Carbotech per l’Europa

Sono passati tre anni dal lancio delle prime due pompe autocarrate con braccio in carbonio di questa linea. Ora il Dipartimento di Ricerca e Sviluppo della Cifa presenta in Germania, tre nuovi modelli Carbotech; K80H, è la pompa con il braccio più lungo che sia mai stata realizzata, progettata per spazi poco raggiungibili da bracci standard. Montata su un telaio a sette assi, ha un braccio di 80 metri diviso in sette sezioni, le cui ultime quattro sono in fibra carbonio, ripiegabili con sistema “RRZ”. K39H, invece, è una pompa con il braccio di distribuzione più lungo montabile su un autotelaio a tre assi. In linea con il rispetto dei limiti di peso europei (26 tonnellate), K39H presenta un braccio di distribuzione con cinque segmenti (gli ultimi due sono in materiale composito) con ripiegamento “RZ”. E’ in grado di offrire tre metri in più di altezza massima, rispetto allo standard di 36 metri con bracci a 4 segmenti. L’allestimento di serie è molto ricco: sistema di stabilità K-tronic, tubazioni a doppio spessore (Cifa Long Life Pipes), sistema di gestione e diagnostica avanzato. MK25H è la prima betonpompa Carbotech; ha un braccio a quattro sezioni di cui due in carbonio (quello standard è di tre) e può raggiungere i 25 metri. Il tamburo ha una capacità di 8 metri cubi ed è realizzato in acciaio molto resistente (durezza oltre i 300 HB). La macchina è in grado di trasportare 5 metri cubi di cemento pur restando nei limiti di peso consentiti per i veicoli su quattro assi in assetto di marcia (32 tonnellate).

Le novità di Zoomlion

Il team di Ricerca e Sviluppo Zoomilion e Cifa, ha studiato tre nuovi modelli “Ready for Europe” che, dopo un tour dimostrativo in ben 16 paesi, sono pronti per il mercato continentale e che quindi faranno bella mostra di se a Bauma 2013. Questi i modelli: ZL36 è una pompa con braccio a cinque sezioni, ripiegamento a Z e sistema di stabilizzatori a X. Rientra nei limiti di peso per gli autotelai a tre assi. ZL40, invece, è una pompa da 40 metri, con braccio a cinque sezioni con ripiegamento “RZ”, montata su telaio a 4 assi. ZL56 è la più alta della gamma, ha un braccio di distribuzione a sei segmenti che arriva a 56 metri. Altra novità in casa Zoomilion è la gru ZT180-8 Topless, progettata con tecnologia europea in collaborazione con la Jost Crane Gmbh. Lo sbraccio massimo è di 65 metri, per un’altezza sotto gancio in configurazione standard di 53 metri. Ha una portata di 8 tonnellate, 1,8 in punta. L’argano di sollevamento è da 30 kW e consente di issare 1,9 tonnellate ad una velocità di 80 m/min.

Articoli correlati

Un Coguaro da premio!

Cifa ha vinto con la sua autobetoniera Coguaro il prestigioso premio Red Dot 2015 per il design

L'impianto del Ponte

Le ragioni del successo dell'impianto Fiori sono da inquadrare nella "libertà" di scelta

Tutto il nuovo di Imer

Il sistema di trasporto aereo Oru Fly, gli impianti a raggio raschiante BTK 1008 e iMix 750, oltre alla piccola autobetoniera Bugmixer. Sono i nuovi prodotti

Emilia "pulita"

Asset Solare verifica il funzionamento dell'impianto,  per mezzo di un sistema di controllo remoto delle prestazioni produttive.

Macchine simili


RY 1300

CIFA
Autobetoniere

LT 90I H

Le Officine Riunite...
Autobetoniere

SLX 9

CIFA
Autobetoniere

Mixer 4000

Fiori
Autobetoniere

HTM 504

Liebherr Emtec Italia
Autobetoniere

SY52500GJB

Sany Heavy Industry
Autobetoniere

HTM 1004

Liebherr Emtec Italia
Autobetoniere

N2400

Dieci
Autobetoniere

E8

CIFA
Autobetoniere

Carmix 3.5 T4

Metalgalante
Autobetoniere

SY5310GJB

Sany Heavy Industry
Autobetoniere

HDA 7

CIFA
Autobetoniere