68 Agili Colossi - Allison Transmission

68 dumper Astra con cambio Allison in Africa

La diga etiope Gran Ethiopian Reinassance Dam, situata sul Nilo Azzurro è uno dei cantieri più grandi al mondo: con una commessa da 3,350 miliardi di euro, verrà costruita una struttura lunga 1800 metri e alta 170, dove 10 milioni di metri cubi di acqua produrranno 15.000 Gwh/annui. Il progetto prevede la costruzione di una diga principale in calcestruzzo rullato compatto (RCC), uno sfioratore dello stesso materiale e una diga ad arco lunga 5 km e alta 50 m, entrambi posizionati sulla riva sinistra. Due centrali elettriche saranno collocate alle estremità della diga principale e avranno 16 turbine con una potenza installata di 6.000 Mw . L’italiana Salini Costruzioni, una delle più importanti specializzate nel settore dell’acqua e dell’energia elettrica, si è aggiudicata uno degli appalti in gioco e ha attualmente sul campo 500 mezzi Astra, di cui 219 acquistati per l’occasione. Tra questi, 68 sono dumper con trasmissioni completamente automatiche Allison Transmission.

Contemporaneità, il concetto chiave

Salini, per questo tipo di commesse, ha messo a punto il metodo “Fast Track Implementation”, un sistema che permette di installare impianti idroelettrici risparmiando il 50% del tempo rispetto alla costruzione di quelli tradizionali. Il drastico abbattimento delle tempistiche è dovuto all’avvio in contemporanea di tutte le fasi principali dei lavori. Per questo sono stati acquistati i dumper Astra, a causa del lavoro gravoso da compiere: in questo cantiere vengono movimentati milioni di metri cubi di roccia, aggregati e calcestruzzo. Questi mezzi sono molto robusti, anche grazie alla loro catena cinematica resistente a ogni sollecitazione. Allison ha inoltre messo a disposizione il meglio della tecnologia off-road per questi veicoli. “Abbiamo acquistato i mezzi Astra al termine di un’attenta valutazione che ha tenuto conto dei costi di esercizio contenuti, della robustezza del telaio e della capacità di marcia fuori strada,” racconta l’ingegner Massimo Campitelli, Direttore tecnico macchine, impianti e acquisti della Salini. “Inoltre, la nostra esperienza su altri cantieri con i Dumper RD 40 e RD50 con trasmissioni automatiche Allison Transmission ha fatto sì che, anche questa volta, li scegliessimo per questo nuovo cantiere. Permettono all’operatore di concentrarsi sulla guida, cosa molto importante data la dimensione dei mezzi e le condizioni dei percorsi africani, non certo agevoli” conclude l’ing. Campitelli.

Quando “isolato” non è una semplice parola

Un’altra questione che ha fatto ricadere la scelta su questi robusti mezzi, è la lontananza dei cantieri dai centri abitati, cosa che rende difficile organizzare l’assistenza. La catena cinematica Allison mette al riparo da rotture che potrebbero compromettere la velocità di esecuzione dei lavori. Questi dumper sono anche molto affidabili grazie alle sospensioni automatiche di serie, inoltre sono molto efficienti in lavorazioni così impegnative su suolo sconnesso. “Quello che mette maggiormente a rischio la nostra programmazione e i nostri risultati è un numero elevato di fermi macchina,” racconta l’ing. Campitelli, “e la scelta di mezzi robusti ed affidabili è per noi vitale”. Come conferma Giuseppe Repetti, Responsabile Vendite Grandi Clienti di Astra, “Su questo cantiere i nostri mezzi hanno ancora poche ore di lavoro, ma su altri cantieri, sempre in Africa, ci sono Dumper Astra con oltre 25.000 ore di lavoro, che non hanno mai dato un problema, se non la normale manutenzione preventiva”. E conclude: “Un altro problema a cui i cambi Allison hanno ovviato è la scarsa preparazione degli autisti locali che non garantiscono certo una guida sicura ed efficiente dei dumper. Sarebbe un continuo contenzioso per le avarie. Con le trasmissioni automatiche, questi problemi si evitano a monte”.

Pesanti? No, agili!

Una delle principali caratteristiche dei dumper è la grande agilità, nonostante le grosse dimensioni. L’ RD40 ha una massa a pieno carico di 70 tonnellate, con una portata utile di 40 tonnellate e una capacità di 26 metri cubi. Il più imponente RD50, invece, ha una massa di 87 tonnellate, una portata di 50 e una capacità di 36 metri cubi. I motori sono Iveco Cursor da 12,8 litri sull’RD40 e Deutz da 16 litri e 500 kW (RD50), accostati alla trasmissione automatica Allison a sei marce avanti e due retromarce (l’H5610AR sull’RD40 e l’H6610AR sull’RD50). I telai di questi mezzi sono in acciaio altoresistenziale e sono composti da longheroni estrusi a sezione rettangolare senza saldature, caratteristiche che conferiscono stabilità e resistenza alle torsioni. Le condizione estreme dei terreni sconnessi sono mitigate grazie alle sospensioni anteriori, con ruote indipendenti sterzanti con cilindri idropneumatici, e a quelle posteriori, con forcella e barra trasversale tipo Panhard. Le trasmissioni Allison sono connesse al motore tramite una centralina, che contribuisce a controllare i consumi in base all’impiego. La cabina di guida è montata su portanti in acciaio, che assicurano la solidità, e certificata ROPS/FOPS. La portiera è in vetro così da garantire la massima visibilità.

 

Viste sul campo: dati tecnici


RD40C

Astra Veicoli...

RD50

Astra Veicoli...

Articoli correlati

Arriva il Signore della miniera

Robusto e affidabile: il dumper rigido Cat è sviluppato per l'alta produzione (mineraria e nelle costruzioni) pur contenendo il costo unitario di trasporto

Macchine simili


777F

Caterpillar
Dumper rigidi

TR45

Terex Construction...
Dumper rigidi

TR35

Terex Construction...
Dumper rigidi

EH1700-3

Hitachi Construction...
Dumper rigidi

HD985-5

Komatsu
Dumper rigidi

773G

Caterpillar
Dumper rigidi

HD785-7

Komatsu
Dumper rigidi

H405-7

Komatsu
Dumper rigidi

EH1700

Hitachi Construction...
Dumper rigidi

RD50

Astra Veicoli...
Dumper rigidi

T282B

Liebherr Emtec Italia
Dumper rigidi

TR100

Terex Construction...
Dumper rigidi