Asfalto: la nuova frontiera del riciclo - Sandvik Mining and Construction

In Francia la Gachet utilizza frantoi QI340

Alle soglie del 2011, le società di costruzioni così come i governi richiedono sempre più nei cantieri di usare prodotti realizzati con materiale riciclato: in questo modo viene ovviamente incentivato l’uso della frantumazione e della vagliatura che è in grado di soddisfare la continua richiesta dei clienti. La domanda stimola un fervido processo di innovazione con risultati davvero interessanti anche in segmenti finora poco sviluppati; è risaputo da sempre che uno dei più difficili materiali da riciclare sia l’asfalto, adesso sembra non sia più così: la società Gachet, situata vicino a Grenoble in Francia, si è impegnata in questa direzione e ha iniziato una collaborazione con la Sandvik Mining and Construction per cercare insieme soluzioni innovative che facciano dell’asfalto un prodotto concretamente riutilizzabile per la vendita. Oltre alla partnership con Sandvik, Gachet lavora a stretto contatto con la società francese sua consorella, Carriere et Voirie, che aiuta a fornire un servizio completo di riciclo.

Con il Sandvik QI340 l’asfalto si ricicla

Grazie al frantoio mobile Sandvik QI340 il problema del riciclo dell’asfalto è stato risolto perché si è trovato il modo di frantumare il materiale fino a renderlo di proporzioni gestibili. Il QI340 è spinto da un motore C-13 Tier diesel della potenza netta di 330 kW che consente un ridotto consumo di carburante. Alimentato da un prevaglio a due stadi, il QI340 ha un rotore di frantumazione a 4 martelli con una bocca di alimentazione larga 1130 mm e un diametro del rotore di 1150 mm. Il peso del QI430 è relativamente basso e le sue dimensioni sono particolarmente compatte: il peso operativo è di 49,8 ton e la lunghezza di trasporto è di 15,5 m. Grazie a queste caratteristiche è in grado di essere spostato con un singolo trasporto. L’attrezzatura opzionale include una pompa per l’acqua e un nastro magnetico per la separazione dei componenti metallici da demolizione.

La vagliatura con il QE340

Dopo la frantumazione l’asfalto viene inviato alla fase successiva che consiste nel vaglio e nella classificazione usando il vaglio Sandvik QE340. Quest’ultimo è potente, cingolato, semovente, pensato appositamente per applicazioni molto usuranti. Sviluppato sulle approfondite indagini di mercato il QI340 ha un vaglio principale da 40 mm, un vaglio inferiore da 12 mm, con diametro da 30 a 60 mm può produrre 20 t/H, con diametro 10-30 80 t/h e con diametro 0-10 mm 100 t/H.

Severi parametri d’impiego

Gachet ha richiesto al QI340 di lavorare con i seguenti parametri operativi: diametro materiale in ingresso 0-700 mm, produzione media oraria 200 tonnellate, diametro prodotto finito 10 mm. In questo modo in Gachet prevedono di usare dal 10 al 15% di materiale reciclato nella produzione di asfalto nuovo con conseguenti notevoli risparmi economici e rispetto dell’ambiente.


Articoli correlati

Sbarco in India

Produrre in India per soddisfare le esigenze di un mercato in crescita

Macchine simili


PC 1055 J

Hartl Anlagenbau
Frantoi mobili

F 1000 CV - Vesuvio Super

Gasparin Impianti
Frantoi mobili

PC 1265 J

Hartl Anlagenbau
Frantoi mobili

Titano

OM di Ponzano Veneto
Frantoi mobili

NW300GP

Metso Minerals
Frantoi mobili

Premiertrak 1180

Terex Pegson
Frantoi mobili

LT1213

Metso Minerals
Frantoi mobili

NW116

Metso Minerals
Frantoi mobili

GCR 100

REV
Frantoi mobili

Marte

OM di Ponzano Veneto
Frantoi mobili

LT1315

Metso Minerals
Frantoi mobili

Maxtrak 1300

Terex Pegson
Frantoi mobili