Il tocco in + - JLG Industries Italia

Presentata al Modern Art Museum la nuova 1850SJ

Piacevole serata di gala per JLG Industries nella elegante cornice del Modern Art Museum Cà La Ghironda a Ponte Ronca di Zola Predosa, ad una decina di chilometri da Bologna. Il museo emiliano ospita una mostra permanente di 210 sculture distribuite in un parco di 10 ettari sui primi rilievi dei colli bolognesi, con opere di artisti contemporanei come Giacomo Manzù, Gilberto Zorio e Francesco Messina.

All’evento hanno partecipato oltre un centinaio di invitati fra noleggiatori e operatori del settore sollevamento, con il team della filiale italiana, guidato da Roberto Marangoni, a fare da anfitrione, e un solo ospite d’onore: la 1850SJ Ultra Boom. Nel piazzale del museo, operatori e stampa hanno potuto sperimentare in prima persona l’effetto dei 56,56 m di altezza (ma con trasportabilità in sagoma, particolare da non dimenticare assolutamente) della nuova piattaforma semovente Ultra Boom della casa statunitense, grazie al lavoro del tecnico Sacchet che, per quasi tre ore, ha azionato pazientemente il braccio telescopico ad oggi più alto al mondo, nel segmento delle piattaforme semoventi.

L’impressione che ne abbiamo ricevuto è di estrema rapidità nel raggiungere la massima estensione del braccio, che, tradotta in pratica, corrisponde ad un’altezza pari a 19 piani di un edificio, e di estrema sicurezza nel movimento in senso orizzontale e di sbraccio, in ottica scavalcamento, facendo di questa macchina un top di gamma anche per quanto concerne l’area operativa, pari a 82.000 m3.

Salirò salirò

La piattaforma 1850SJ, grazie al mix tra altezza di lavoro (56,56 m), area operativa e doppia portata (450/227 kg) diventa un opzione alternativa certamente plausibile sia tecnicamente che economicamente rispetto alle piattaforme autocarrate, tradizionalmente la scelta privilegiata per lavori a queste altezze, ad esempio all'interno di siti industriali.

I primi riscontri del mercato sono positivi, con una macchina già venduta in Italia, e diverse altre collocate in alcuni mercati nord-europei, a partire dalla Francia, in cantieri di una certa rilevanza come quelli per gli stadi in costruzione o rinnovamento in vista degli Europei di calcio 2016. Un altro aspetto tecnico che ci pare corretto rimarcare è legato all’ubicazione non particolarmente agevole del piazzale del museo, dove è stato collocato il “campo prova” della 1850SJ.

La piattaforma, grazie alle sue quattro ruote motrici, ha superato agevolmente il dislivello e la tortuosità della stradina che dal piano strada portava al piazzale interno del Museo bolognese. Ci sembra questo un punto a favore della Ultra Boom di JLG, perché se da una parte è vero che questa macchina è più indicata per cantieri ampi e stazionari, ci sembra che nulla vieti il suo utilizzo anche in cantieri cosiddetti spot.

Che sagoma questa Ultra Boom!

Fra le caratteristiche tecniche della semovente ricordiamo uno sbraccio orizzontale di oltre 24 m ed una capacità di sbraccio del jib da 3,96 a 6,1 m, con articolazione di 120°. Il serbatoio del carburante contiene fino a 200 l, mentre quello del sistema idraulico supera i 284 l. Il motore è un turbodiesel Deutz da 3.6 l che consente di muovere questa macchina di oltre 27 tonnellate ad un velocità di 4,5 Km/h, superando pendenze fino al 40% con le quattro ruote motrici.

Intuitiva la plancia di comando sulla piattaforma, dotata di uno schermo LCD da 7” che permette all’operatore di avere sotto controllo in ogni istante la posizione della piattaforma rispetto all’area complessiva di intervento. A riposo, la 1850JS Ultra Boom è lunga 14,57 m, larga 2,49 m e alta 3,05 m; dimensioni piuttosto contenute che la rendono trasportabile in sagoma, con un evidente risparmio anche nei costi di trasporto.

Insomma non manca nulla alla nuova punta di diamante della casa statunitense adatta per operare in altezza all’interno di siti industriali, come le raffinerie, su infrastrutture come aeroporti e porti navali o nell’ambito dei cantieri delle grandi opere. Ecco sono forse questi ultimi, qui in Italia, l’unica cosa che manca alla 1850SJ…



Viste sul campo: dati tecnici


1850 SJ

JLG Industries Italia

Articoli correlati

Haulotte che bella trentenne!

Haulotte festeggia i 30 anni di attività con una convinta presenza a Intermat, dalle nuove piattaforme articolate ai sollevatori telescopici

Un mercato più sollevato

Seconda puntata di goWemGotha!, ancora nel mondo delle piattaforme, con Nicola Violini, Direttore Generale di Haulotte Italia

Il Coraggio della Concretezza

goWEM!Gotha: Intervista a Roberto Marangoni, direttore vendite Sud-Europa JLG: mercati, prospettive e visione d’insieme

Tre per sedici

Haulotte ha appena presentato le sue nuove piattaforme articolate HA 16 RTJ

Confronto “on the road”

 Il demo Truck dell’iniziativa “JLG Km 0” ha visitato i principali noleggiatori italiani per presentare la gamma industriale

In alto, ovunque

Haulotte presenta due nuove piattaforme telescopiche tuttoterreno, la HT21 RT e la HT23 RTJ

Un ragno in chiesa

Una piattaforma cingolata di Palazzani noleggiata da Eurotecno protagonista del restauro degli stucchi della Chiesa di San Lorenzo a Brescia

Francesi in terra tedesca

Haulotte al Bauma 2013 per presentare diversi prodotti innovativi e per incontrare clienti e partner per confrontarsi sul mercato

Macchine simili


Genie GS 3232

CTE
Piattaforme aeree

6000 PL2 DEM

Benelligru
Piattaforme aeree

UpRight X32

Leader
Piattaforme aeree

TEL 16

C.E.L.A.
Piattaforme aeree

245-25

JLG Industries Italia
Piattaforme aeree

TLK21

Colombo Giuseppe
Piattaforme aeree

TLM20/9

Colombo Giuseppe
Piattaforme aeree

78 SEC

Manitou
Piattaforme aeree

E290PX

GSR
Piattaforme aeree

HA 16 PX

Haulotte Italia
Piattaforme aeree

B230T

GSR
Piattaforme aeree

Ragno TSJ 30/C

Palazzani Industrie
Piattaforme aeree
t